San Marino, ‘una realtà criminogena’. Paolo Giovagnoli, procuratore capo a Rimini

Antonio Fabbri di L’Informazione di San Marino riporta – a proposito della camorra che si è installata fra la Romagna riminese e la Repubblica di San Marino (”Vulcano‘) –  una dichiarazione del Procuratore Capo della Repubblica a Rimini, dr. Paolo Giovagnoli.

“San Marino è stata a lungo una realtà criminogena perché utilizzata per eludere le imposte e ad occultare i capitali.

Questo ha sicuramente attivato speculatori.

Credo che quest’ultima indagine dei Ros sui clan abbia portato alla luce questo tipo di presenza di San Marino e l’utilizzo di persone occulte.

Personaggi, campani soprattutto legati alla criminalità, utilizzati per proteggere o per minacciare, per fare affari o per impossessarsi di attività.

Potenti che utilizzano San Marino perché hanno cose da nascondere, per non pagare le tasse e non far emergere indici di reddito, come panfili e auto di lusso e finanziarie che non si sa a chi diano i soldi. Tutto un sistema che favoriva i malavitosi”. 

Si legge ancora nell’articolo di Fabbri: Ma c’è un altro dato preoccupante e cioè che certe attività, alcune mancate verifiche, un certo modo di fare era noto a molti, a diverse categorie di persone con le mani in pasta. Nessun nome, nessuna situazione, nessun modo di operare anomalo è mai stato denunciato. “Cose che si sapevano”, si sente adesso ripetere. Ma che non si dicevano. E quando qualcuno le diceva o veniva preso per pazzo, o emarginato o querelato. Sicuramente anche questo modo di fare, per cui tutti sapevano ma nessuno diceva, rientra in quella “realtà criminogena” di cui il Procuratore di Rimini parla

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy