San Marino Vaticano. Onorificenze, Segr. Esteri precisa

La Segreteria di Stato per gli Affari Esteri ha inviato una precisazione circa la vicenda delle onorificenze (Voce di Romagna San Marino) scambiate tra il governo della Repubblica di san Marino e lo Stato della Città del Vaticano in occasione della visita di  Benedetto
XVI
.

In riferimento all’articolo apparso in data odierna sul quotidiano “La Voce di Romagna”, relativo alla restituzione di onorificenze concesse dalla Santa Sede, questa Segreteria di Stato precisa quanto segue.

A seguito della storica Visita di Sua Santità Benedetto XVI, nel giugno 2011 e come prassi in occasione delle visite ufficiali è avvenuto uno scambio di onorificenze fra i due Stati.  Essendosi verificate alcune incomprensioni rispetto ad alcune di queste onorificenze, probabilmente dovute ad errori involontari, è avvenuto uno scambio di note per le vie diplomatiche tendente a far sì che la Santa Sede possa definire la concessione di onorificenze alle Autorità sammarinesi secondo le modalità di prassi diplomatica.

Le illazioni di chi vuole a tutti i costi provocare un “incidente diplomatico” non trovano fondamento, in considerazione degli ottimi rapporti che intercorrono fra i due Stati e del pieno successo della visita che più volte il Santo Padre, ricevendo delegazioni sammarinesi, ha definito “indimenticabile”.
Quanto al resto delle considerazioni espresse dall’articolista su nomine effettuate dall’Esecutivo, le lasciamo integralmente a chi non perde occasione per denigrare questa Repubblica senza conoscere quasi mai le ragioni vere dietro tali nomine.
San Marino, 28 settembre 2012/1712 d.F.R. [c. s.]

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy