San Marino verso una nuova piazza finaziaria. Clarizia a Corriere Romagna San Marino

Annalisa Borselli di Corriere Romagna San Marino:   L’intervista. Renato Clarizia, presidente della Banca centrale di San Marino, parla del futuro economico e finanziario della Repubblica / «Il Titano non è più un paradiso fiscale» / «Deve diventare una nuova piazza credibile e appetibile per gli investitori stranieri»

Servono agevolazioni fiscali che non vuol dire evasione ma rispetto delle norme di uno Stato sovrano» 

«Centrale dei rischi: c’è già una commissione al lavoro per renderla operativa e lo sarà alla fine dell’anno» 

SAN MARINO. «San Marino non è più un paradiso fiscale». A dirlo è Renato Clarizia, presidente della Banca centrale di San Marino.

Il presidente apre a nuovi scenari per l’economia del Titano, non più legata al vecchio stereotipo di cassaforte dell’evasione estera, ma «nuova piazza finanziaria credibile e appetibile nei confronti degli investitori stranieri». Alla vigilia della firma degli accordi tra Italia e San Marino che dovrebbe avvenire alla fine del mese, Clarizia spiega come potrebbe cambiare il panorama economico sammarinese.  (…)

Leggi l’intero articolo di Annalisa Borselli, Corriere Romagna San Marino

Il sistema finanziario sammarinese era arrivato a contare – l’ultimo nel 2009 – 72 ‘soggetti autorizzati’: dodici banche e sessanta tra finanziarie, fiduciarie, società di gestione, compagnie
d’assicurazioni.

Vedi: Raccolta al 30 giugno 2011 comparata col 2007

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy