Segretario Ciavatta sulle elezioni

Per presentare la propria candidatura alle elezioni politiche del 9 novembre prossimo, la nuova Legge Elettorale obbliga i candidati a depositare una dichiarazione relativa ai redditi percepiti nel periodo d’imposta precedente nonché alle eventuali partecipazioni societarie: è, questo, una sorta di “impegno morale” chiesto a chi deciderà di presentarsi in lista.
Lo ha precisato, oggi, alla stampa il Segretario di Stato per gli Affari Interni, Valeria Ciavatta, dopo le richieste di chiarimento pervenute da giornalisti e cittadini.
L’articolo 15 della legge elettorale prevede che, affinché sia valida la candidatura presentata, il candidato debba altresì depositare “la copia della dichiarazione dei redditi del periodo d’imposta precedente a quello delle consultazioni nonché la dichiarazione circa eventuali ulteriori redditi percepiti e partecipazioni in società”.
Il Segretario di Stato Ciavatta ha spiegato che, al fine di agevolare le liste, è stato predisposto un modulo (Allegato D della modulistica a uso delle liste) per la compilazione della suddetta dichiarazione, cui le liste potranno fare riferimento per i relativi adempimenti. Come indicato nel suddetto modulo, il candidato dovrà specificare:
– il reddito lordo percepito nell’anno 2007 (allegando a tale scopo il solo quadro riepilogativo della Dichiarazione I.G.R.);
– le eventuali partecipazioni societarie (con indicazione della/e società e della/e quota/e di partecipazione)
– gli eventuali ulteriori redditi percepiti (con indicazione del tipo di reddito e il relativo importo).
Le dichiarazioni – così come depositate – verranno quindi affisse all’Albo del Pubblico Palazzo e del Tribunale Unico sino alla convalida degli eletti da parte del Consiglio Grande e Generale.
Il Segretario di Stato Ciavatta ha ribadito che – come avvenuto anche per le precedenti consultazioni elettorali – i moduli per gli adempimenti delle liste sono predisposti al solo scopo di aiutare le liste nell’espletamento degli adempimenti medesimi. Essi hanno, pertanto, solo fini esplicativi e non dispositivi non trattandosi – appunto – di moduli previsti da nessuna norma di legge.
Nel caso del modulo suddetto (allegato D) esso tiene conto delle indicazioni date in proposito dal Garante della Protezione dei Dati Personali – in particolare per quanto concerne il quadro riepilogativo della Dichiarazione IGR – e di quanto convenuto dai Gruppi e dalle Rappresentanze Consiliari nella riunione del 10 settembre u.s.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy