Simposio della John Templeton a San Marino sulla creatività nelle scienze

“La creatività e l’ispirazione creativa in matematica, scienze e ingegneria: lo sviluppo di una visione per il futuro” è il tema del simposio internazionale organizzato dalla John Templeton Foundation, che si terrà a San Marino dal 29 al 31 agosto, nell’antico Monastero Santa Chiara, sede dell’Università degli Studi.

La maggior parte dei grandi scienziati – spiegano gli organizzatori – percepisce il proprio lavoro come profondamente creativo e come personale esercizio, che scaturisce dal background storico, culturale e religioso di ognuno. La scienza – affermano – è innegabilmente parte di una avventura umana che coinvolge l’energia affettiva, l’estetica e le convinzioni personali. “La situazione emotiva che permette tali risultati [scientifici] – scriveva lo stesso Albert Einstein – è simile a quella dei religiosi o delle persone innamorate; l’esercizio quotidiano non trae origine da un disegno o da un programma, ma da un bisogno interno”.

Partendo da questi presupposti, quattordici studiosi, provenienti da Università e centri di ricerca di tutto il mondo, si confronteranno a San Marino su un tema che ha implicazioni molto vaste, come il contributo che le discipline scientifiche sono in grado di offrire alla formazione complessa della persona, che include l’istruzione, la razionalità, l’affettività, la creatività, la libertà. Ma tenteranno di approfondire anche la portata della scienza e delle scoperte scientifiche nel loro impatto con l’opinione pubblica, la cui percezione del lavoro scientifico è determinata in modo sensibile dai media.

E’ il terzo anno consecutivo che la John Templeton Foundation, che annovera nel suo Comitato Scientifico il Rettore dell’Ateneo sammarinese, Giorgio Petroni, tiene i suoi simposi internazionali a San Marino, in collaborazione con l’Università. Nel 2006, il tema era stato “Nuove frontiere nella ricerca dell’infinito”, nel 2007 si era discusso di “Scienza, ragione e verità”.

Si tratta di temi propri alle finalità della fondazione voluta nel 1987 dal finanziere, imprenditore e autore di numerosi libri, Sir John Marks Templeton, (scomparso l’8 luglio scorso all’età di 95 anni), per sostenere la ricerca sulla scienza, la religione e il significato della vita.

Il simposio internazionale è organizzato in connessione con la XXIX edizione del Meeting per l’amicizia fra i popoli, in corso a Rimini. Dove proprio la mattina del 29 agosto, Charles Harper, Senior Vice President della John Templeton Foundation, interverrà sul tema: La Scienza fra educazione e creatività. Con lui saranno Gino Segre, Professore di Fisica e Astronomia all’Università di Pennsylvania; Constantino Tsallis, del Centro Brasiliano di Ricerca Fisica e Accademia Brasiliana di Scienze e Marco Bersanelli, Docente di Astrofisica all’Università degli Studi di Milano, tutti partecipanti al Simposio di San Marino.

L’accesso alla convention nel monastero Santa Chiara è riservato agli addetti ai lavori.

Partecipanti al Simposio Internazionale Templeton Foundation San Marino – 2008-

Convener:

Charles L. Harper, John Templeton Foundation

Vice President

Participants:

Rogers Hollingsworth, Gino Segre, Tibor Frank, Owen Gingerich, John Wood,
Constantino Tsallis, Alan Macfarlane, Franco Bassani, Richard Lindzen, Tommaso Bellini, Andrea Moro, Dan Maoz

Co-Chairs:

Marco Bersanelli, Astronomy and Astrophysics,
Physics Department, University of Milano

John Wood. Principal of the Faculty of Engineering

Imperial College

Scientific Committee:

T.Bellini, M.Bersanelli, C.Harper, G.Petroni, E.Sindoni

Organizing Committee:

M.Aluigi, T.Ceccoli, H.Choi, D.Pifferetti, N.Sabatini

Invited closed-doors symposium, restricted to participants

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI,

della Repubblica di San Marino

Comunicato Stampa

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy