Smentite e pubblicità sulle Keno e altre macchine per il gioco

PROFESSIONAL GAMES: “LE BLACK JACK DI SAN MARINO NON SONO LE NOSTRE”

La polemica che tiene banco a San Marino sul gioco d’azzardo ha contribuito a generare un equivoco ai danni della Professional Games, l’unica azienda italiana omologata che produce le macchine da gioco “Black Jack”, chiamate in causa insieme al “Keno” nella diatriba sammarinese. Al centralino dell’azienda riminese, certificata ISO9001, il telefono “bolle” da giorni. “Ci chiedono se le Black Jack in dotazione al casinò automatizzato di Rovereta sono le nostre – interviene il titolare Sandro Lanzano – ma tengo a precisare che le macchine da noi prodotte non hanno niente a che vedere con quelle presenti nella sala giochi di San Marino”.

“I nostri apparecchi – ribadisce il produttore – sono omologati da Aams come comma 6a e come tali regolarmente commercializzati, mentre le macchine di San Marino sono più strutturate per i casinò e comunque non c’entrano niente con noi”.

Sul mercato dei giochi dal 1985 la Professional Games si è specializzata nella realizzazione di macchine multiplayer, in particolare il modello “Multiplo” (prezzo di listino intorno ai 22mila euro) e l’ “Imperial” che costa intorno ai 43milaeuro. La commercializzazione è prevalentemente “tricolore”. “Seminiamo su tutto il suolo nazionale – conferma Lanzano – anche se ultimamente c’è un forte interesse per i nostri prodotti, di cui seguiamo la realizzazione e l’ingegnerizzazione dalla A alla Z, anche da parte della Spagna”.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy