SOCIALISTI. PSRS: ‘AVANTI TUTTA CON NPS’

RIUNITA SEGRETERIA E GRUPPO. MERCOLEDI’ VERTICE CON CASALI
Il Psrs conferma la volonta’ di proseguire nel processo di aggregazione dell’area socialista con
Nps. Nel tardo pomeriggio di oggi si e’ riunita la segreteria e il gruppo consigliare, in preparazione della direzione di domani sera, che sara’ allargata a tutti gli iscritti e si terra’ alla
sala ex International di Borgo.
Alla vigilia del nuovo incontro con Augusto Casali e i suoi uomini, previsto per mercoledi’, il segretario del Psrs, Simone Celli, lancia quindi da parte del suo partito l’auspicio che tra
le due forze socialiste si registrino le convergenze necessarie per completare “il percorso di consolidamento” delle loro relazioni politiche.
Confidiamo di fare passi in avanti- spiega- il nostro obiettivo resta l’unione di tutti i socialisti all’interno di un’unica formazione politica, senza questioni di etichetta”.
Dunque, “Psrs e Nps vanno avanti”. Ma non solo il rapporto con i nuovi socialisti: sul tavolo della sede di Tavolucci si sono affrontati anche i temi delle criticita’ del Paese e il rifiuto,
da parte di maggioranza e governo, di affrontare in Consiglio un dibattito sulla Bcs, ultimo istituto commissariato sul Titano.
Segreteria e gruppo consigliare puntano il dito contro le criticita’ del sistema finanziario e lo
stato di precarieta’ conti pubblici. In questo contesto, “riteniamo fondamentale- puntualizza Celli- un confronto piu’ ampio, allargato a tutte le forze politiche per individuare l’exit strategy necessaria a salvare il Paese, che include anche scelte impopolari”.
Su questa linea, il Psrs giudica con favore le recenti dichiarazione del segretario del Pdcs, Marco Gatti: “E’ molto positivo che abbia aperto al dialogo con tutte le forze politiche sul fronte delle riforme strutturali- prosegue Celli- spero si possa passare dalle parole ai fatti”. E precisa: “Il confronto deve essere allargato a tutti, nessuno escluso”. Non si ripeta pero’ il veto posto alle richieste dell’opposizione su temi importanti: i Socialriformisti lamentano infatti la chiusura del governo e del Patto al dibattito in Consiglio sulle situazione bancaria e finanziaria.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy