Strategie a confronto per Delta partecipata Carisp San Marino

Andrea Greco di La Repubblica si occupa delle possibili strategie per dare una soluzione alla cessione di Delta partecipata Cassa di Risparmio della Repubblica di San Marino, essendo in corso la indagine Varano.
Greco riferisce anzitutto che in Banca d’Italia è stata data questa indicazione: ‘qui serve una soluzione di sistema‘. Insomma si cercherebbero compratori ‘che permettano l’uscita degli azionisti senza altri smacchi. E pongano in sicurezza 4,5 miliardi di euro di attivi, quasi tutti finanziati da banche per il 4O% la Cassa del Titano, poi Unicredit, Banco popolare, Bper, Barclays, Dresdner‘ .

Strategie. ‘Bankitalia gradirebbe la nomina di un advisor che con processo lineare e trasparente trovi un partner con le spalle grosse, cui accasare Delta. Mentre i sammarinesi, che hanno la maggioranza, cercano soluzioni più soggettive. Un’opzione di compromesso potrebbe essere il ritorno di Delta sotto l’ala di Neos, rivale nel settore che ha sede a Bologna e fa capo al gruppo Intesa Sanpaolo. Ma il dossier è ardito e sarà difficile che Ca’ de Sass accetti la sfida. Altri potenziali candidati ‘consumer’ sono Findomestic, paritetica tra Bnp Paribas (5 1%) e Carifirenze (ora Intesa Sanpaolo); e l’Agos del Crédit Agricole.

Vedi articolo di Andrea Greco di La Repubblica

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy