Tesseramento 2011: lettera agli iscritti del segretario Marco Tura

“Mancano risposte concrete e condivise”
SAN MARINO 17 MARZO 2011 – “La vera sfida è l’equità”. Questo il filo rosso della campagna tesseramento 2011 della CDLS. Nella lettera inviata ai circa 3.500 iscritti, il segretario Marco Tura torna ad incalzare il governo sulla Finanziaria e sull’assenza di un piano di rilancio economico. Quest’anno sono salite a 45 le convenzioni della Carta Risparmio CDLS.  
“Si è da poco concluso un altro anno difficilissimo per l’economia del nostro Paese”, scrive Marco Tura, sottolineando la duplice crisi che continua ad attanagliare San Marino: “Quella economico finanziaria, con il suo pesante risvolto occupazionale e quella dei rapporti con l’Italia, che oramai da troppo tempo sta bloccando ogni prospettiva di sviluppo”.
I numeri del resto sono impietosi: Il 2010 ha registrato la chiusura di oltre 400 attività e con una perdita netta di 260 posti di lavoro, mentre i disoccupati hanno sfiorato quota 1.000.
“Di fronte a questo difficile scenario economico mancano risposte concrete e condivise”, continua la missiva del segretario CDLS. E soprattutto “ancora manca un progetto strategico capace di sbloccare il contenzioso con l’Italia e chiudere gli accordi sulla doppia imposizione, passaggio indispensabile per ripensare al nostro sviluppo”.

 “La recente legge finanziaria – osserva Tura – oltre a non offrire soluzioni tangibili, provoca evidenti tensioni all’interno del movimento dei lavoratori e toglie spazio alla contrattazione sindacale. Basta ricordare  l’addizionale IGR del 15%, la tassa ai frontalieri, i tagli a indennità e pensioni dei pubblici dipendenti, i pensionamenti forzati nella PA, la mancata contrattazione su aspetti della riforma dell’Amministrazione pubblica”.

“La  vera sfida del 2011 sarà quella dell’equità”.  Così il segretario Tura conclude la lettera agli iscritti, indicando due appuntamenti cruciali per il movimento sindacale: il rinnovo dei contratti di lavoro, scaduti sia nei settori pubblici che privati; e la  riforma fiscale, in calendario prima dell’estate. “Per la CDLS – afferma –  è necessario riequilibrare il peso della contribuzione su tutte le categorie economiche,  perché oggi il mondo del lavoro dipendente è quello che sta sopportando i sacrifici maggiori”.

Con il tesseramento 2011, continua la campagna della Confederazione Democratica  a sostegno dei lavoratori. Sono infatti passate da 39 a 45 le convenzioni della Carta Risparmio, che garantiscono agli scritti e alle loro famiglie sconti e agevolazioni in esercizi commerciali, istituti di credito, studi medici e assicurazioni.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy