Un piano per lo sviluppo. Unione per la Repubblica

Dopo l’ultima seduta consiliare pare che I nostri Governanti siano preoccupati di tutto,  dalle più svariate norme e regolamenti fino alla rappresentatività sindacale. Certamente tutte cose necessarie, ma completamente lontane dalle vere problematiche del Paese, a partire dalla ripresa economica fino alla disoccupazione. Sembra abbiano poco tempo per queste cose, sono troppo impegnati a difendere  posizioni  e nonostante la crisi sempre più incombente, tutto prosegue come se nulla fosse.

UPR ritiene che con tasso di  disoccupazione pari al 10% ci sia l’urgenza di intervenire con progetti concreti ed innovativi.  Sono tanti infatti gli interventi che il nostro Paese deve ancora mettere in atto.  Nonostante qualche progresso nel rendere più flessibile il mercato del lavoro, ci si deve ancora sforzare maggiormente nell’aiutare i disoccupati, che sono tantissimi, specialmente giovani, molti dei quali hanno intrapreso la strada di cercare  il lavoro per cui hanno studiato, anche fuori da San Marino. 

Tale situazione avrebbe dovuto portare l’intera classe politica a sedersi attorno ad un tavolo, unitamente a tutte le Associazioni di Categoria, per tentare di trovare soluzioni, affrontando il problema con grande unità e condivisione, per consentire l’attivazione e la pianificazione di interventi pluriennali per  ridare nuove opportunità di lavoro ai giovani sammarinesi. 

Per imboccare con decisione la strada della ripresa serve un vero e proprio piano per lo sviluppo. San Marino ha bisogno di concretezza sui problemi e deve cessare la persistente litigiosità di un sistema politico troppo frammentato; ha bisogno di uscire da questo  clima e trovare la strada di una vera ripresa economica e sociale del Paese. UPR da sempre attenta a queste problematiche e per dare risposte concrete, ha presentato varie proposte e  progetti di legge per iniziare ad intraprendere la strada di un nuovo sviluppo che non rispecchi più i vecchi modelli ma segua la via dell’innovazione e dei nuovi  investimenti: Dalla mobilità sostenibile, argomento di forte attualità che oltre ad essere in linea con il percorso deciso con la posizione presa durante il vertici sui cambiamenti climatici di Parigi, può dare inizio, come hanno già fatto altri Paesi, a nuove economie e nuovi indirizzi di lavoro in questo settore, alle proposte in ambito commerciale, in ambito finanziario e sanitario e ad un Progetto di Legge per far si che lo sport possa diventare non solo motivazione per la salute e la competizione, ma anche un nuovo strumento turistico che possa creare un nuovo indotto economico. 

L’auspicio è che su queste proposte ci sia il necessario confronto per giungere a una loro attuazione in tempi brevi.

San Marino, 4 Maggio 2016 

Unione per la Repubblica

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy