Una Conferenza Permanente San Marino-Rimini, Congresso di Stato

Una Conferenza Permanente  San Marino-Rimini per la maggiore integrazione delle relative potenzialità territoriali
Aprire una nuova stagione nei rapporti tra Repubblica di San Marino e Rimini. Fare il definitivo salto di qualità, integrando le potenzialità e rafforzando le collaborazioni già in atto tra i due territori in un progetto omogeneo e unico.
Con questo obbiettivo una delegazione del Governo della Repubblica di San Marino, composta dai Segretari di Stato per l’Industria e i Trasporti Marco Arzilli, il Lavoro, Iro Belluzzi, il Turismo, Teodoro Lonfernini, la Cultura, Giuseppe Morganti, il Territorio, Antonella Mularoni e gli Interni, Gian Carlo Venturini, ha incontrato ieri a Palazzo Begni una delegazione della Giunta del Comune di Rimini guidata dal Sindaco Andrea Gnassi, accompagnato dal Vice Sindaco Gloria Lisi e dall’Assessore alle Attività Economiche, Jamil Sadegholvaad.
Il concetto condiviso da entrambe le delegazioni è stato quello che, considerata anche la fase di particolare e perdurante difficoltà economica, è necessario un cambio di passo nel costruire il nuovo modello di sviluppo. Questo richiede un governo delle relazioni che vada oltre l’ordinario dettato dalla quotidianità e che su alcune questioni nodali e comuni consenta ai due territori di presentarsi con unità di obbiettivi in sede regionale, nazionale ed europea.
La Repubblica di San Marino e il circondario della Provincia riminese rappresentano insieme uno dei territori più dinamici ed è necessario che, sulla base di progetti strategici di rilancio dell’economia, sia garantita la connessione con gli altri centri di eccellenza e poli attrattori su base nazionale.
Sulla scorta di queste premesse e dell’Accordo di collaborazione tra la Repubblica di San Marino e la Regione Emilia Romagna, siglato nel 2013 a Bologna, mobilità ed infrastrutture, aeroporto, turismo, parco scientifico tecnologico, opportunità di sviluppo dell’occupazione, sanità, cultura, sono stati i primi temi individuati per i futuri confronti, essendo numerosi i progetti e le ipotesi di lavoro su questioni specifiche già in avanzata fase. Si pensi, a semplice titolo esemplificativo, ai programmi di ammodernamento, messa in sicurezza e fluidificazione della SS72; ai lavori in corso per la strada di fondovalle; alla collaborazione su alcuni eventi turistici e sportivi di punta, rafforzando la quale sarà ancor più efficace la competizione su mercati esteri tradizionali e nuovi (Cina).
Lo strumento individuato per trattare le singole questioni è quello della Conferenza Permanente.
A conclusione dell’incontro, giudicato da tutti proficuo, si è deciso pertanto di redigere un protocollo d’intesa finalizzato alla costituzione della Conferenza Permanente, da siglare nel giro di un mese per poi dare avvio ai lavori sui temi individuati.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy