Valentini (San Marino, Finanze). Mancano ancora le scuse Su e Psd

Sinistra Unita e Partito dei Socialisti e dei Democratici
(ex coalizione Riforme e Libertà, minoranza in Consiglio Grande e Generale) avevano accusato Pasquale Valentini, Segretario di Stato alle Finanze, di aver fatto modificare per decreto certi criteri nell’assegnazione degli incarichi e supplenze nella scuole di San Marino, per favorire il figlio Paolo.

Paolo Valentini ha smentito e dimostrato che le cose non sono andate così.

Jeffrey Zani di La Tribuna Sammarinese oggi coglie l’occasione di una lettera scritta al giornale da Claudio Felici, Capogruppo Psd, per ricordare che di dette scuse pubbliche non si è avuto notizia: ‘La vostra tesi
è stata smontata con elementi
seri e attendibili. Le
ripeto. Paolo Valentini, figlio
del segretario di Stato
alle Finanze Pasquale
Valentini, con il decreto è
38esimo nella graduatoria
degli insegnanti di italiano
delle scuole superiori
e 43esimo nelle medie.
Lontano dai vantaggi che
avete insinuato. E sui quali
insistete. Potete controllare
recandovi all’ufficio
del personale.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy