venerdì 11 dicembre 2020 05:49
RASSEGNA STAMPA

Macina e l'ultimo pranzo a San Marino con Pablito

Macina e l'ultimo pranzo a San Marino con Pablito
Paolo Rossi (ANSA, su La Repubblica)

Due anni fa si erano rivisti a San Marino

Hai presente quando trent’anni dopo due ragazzi che erano a scuola assieme si ritrovano?

La Repubblica (Bologna, ieri)  SIMONE MONARI Al Milan arrivarono insieme, nell’estate del 1985. Uno era un talentuoso ragazzo di 21 anni, che da quando ne aveva quindici si sentiva ripetere d’essere un predestinato. L’altro era semplicemente Paolo Rossi. “Sudditanza non ne ho mai avuta”, ripete oggi Marco Macina, 56 anni, da 18 impiegato al settore turistico di San Marino, casa sua. “Neanche nei suoi confronti, ma poi lui era un ragazzo che non se la tirava per nulla, di una semplicità rara. Oggi – riflette Macina, che per mille motivi sul prato verde non ha sfondato – ci sono nel calcio delle vere e proprie star, una volta era diverso, eppure la sua popolarità era travolgente. Ricordo una volta le feste che gli fece Gianni Versace in un negozio, ricordo l’affetto di tantissime persone. Mi colpiva questo, non era solo popolare, era benvoluto da tutti. Per loro era quello che aveva fatto tre gol al Brasile, era stato il bomber dell’Italia campione del mondo, eppure se ci stavi insieme non te lo faceva mai pesare. Noi per esempio capitava che ci trovassimo a cena dopo le partite, io, lui, Manzo, anche altri, legammo subito anche se io avevo 21 anni e lui otto di più”. (...) 

A fine stagione presero entrambi strade diverse. Macina a Reggio Emilia, Rossi a Verona per quella che sarebbe stata la sua ultima stagione.  Due anni fa si erano rivisti a San Marino. (...)

Ma questa mattina quando sentivo i ricordi di così tante persone, mi ha colpito che molte fossero donne di una certa età, gente non certo esperta di pallone, ma si capiva che lui le aveva rese felici e m’è tornato in mente quando correva Pantani, e nei bar capitava di trovare gente che non capisse nulla di ciclismo eppure voleva sapere com’era andata la tappa. Ecco, Paolo ha davvero unito l’Italia, anche perché sembrava proprio il ragazzo della porta accanto. E poi un conto è essere una stella di una squadra di club, un altro è fare quello che ha fatto lui in maglia azzurra”.

Leggi l'intero articolo di SIMONE MONARI su La Repubblica (Bologna, ieri)  

------

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all'IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
Fonte: La Repubblica