A San Marino, riduzione del segreto bancario secondo la Csdl

Secondo la Confederazione Sammarinese del Lavoro, il peso del
segreto bancario nel sistema finanziario della Repubblica di San Marino (dodici banche
e sessanta tra finanziarie, fiduciarie, società di gestione, compagnie d’assicurazioni) è destinato a ridursi. Per effetto delle nuove regole internazionali. Pertanto la competitività del sistema va basata sempre più sulla efficienza della organizzazione, la qualità dei prodotti offerti, eccetera.

L’occasione per parlarne è la presentazione del terzo studio del Progetto di sviluppo CSdL 2007-2010, che avrà luogo martedì 16 giugno.

Il segreto bancario non potrà più continuare ad essere il principale fattore di competitività per le banche sammarinesi. L’intero sistema bancario-finanziario deve riposizionarsi, e in tal senso la competitività va ricercata sulla qualità dei prodotti, sulla crescita della professionalità degli operatori e sui vantaggi delle condizioni assicurate alla clientela.

San Marino, che nell’ultimo periodo ha fatto passi avanti nell’adeguamento delle proprie norme ai parametri internazionali in materia di antiriciclaggio e contrasto alla criminalità organizzata, deve adottare un sistema di norme ancor più completo ed efficace, che consenta un adeguamento definitivo agli standard internazionali, allontanando investitori indesiderabili e innescando meccanismi virtuosi.

Vedi comunicato Progetto di sviluppo CSdL

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy