Alpini a Rimini, altre tre ragazze pronte a denunciare

Registrata anche una segnalazione in questura attraverso YouPol, l’App della polizia di Stato pensata appositamente per le vittime di abusi.

LORENZO MUCCIOLI – Potrebbe presto allungarsi l’elenco delle denunce contro i partecipanti alla 93esima edizione dell’Adunata nazionale degli alpini.
Altre tre ragazze, tutte riminesi, accompagnate dai loro avvocati, sono state ricevute dalle rappresentanti dell’associazione ‘Non una di meno’, che per prima ha portato all’attenzione del grande pubblico i casi di presunte molestie. Le ragazze stanno ora valutando se presentare querela per degli episodi che si sarebbero consumati a Rimini nell’ultimo fine settimana. Seguendo dunque l’esempio della 26enne che martedì pomeriggio ha bussato alla porta dei carabinieri per mettere nero su bianco la prima vera denuncia per i fatti dello scorso fine settimana. L’ipotesi di reato, nel suo caso, è quella di violenza privata, anche se sono in corso accertamenti da parte dei militari dell’Arma e da parte della Procura di Rimini, a cui il fascicolo è stato trasmesso proprio in queste ore. La giovane ha raccontato di essere stata accerchiata e aggredita, sabato scorso in piazzale Kennedy verso le 16.30, da tre uomini vestiti da alpini, che l’avrebbero afferrata per un braccio e strattonata. (…)

Articolo tratto dal Resto del Carlino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy