Articolo dell’agenzia Dire sulla rinuncia del prof. Masera

Rainer Masera, economista nato in
Bankitalia, ex San Paolo Imi ora alla Banca europea degli
investimenti, avrebbe rinunciato alla proposta del governo di San
Marino di andare a ricoprire la presidenza di Banca centrale. La
notizia, circolata per tutta la giornata a margine del Consiglio
Grande e Generale, e’ stata sostanzialmente ufficializzata in
serata dal segretario di Stato alle Finanze Gabriele Gatti. “Ci
sono perplessita’ legate a un incarico di prestigio ma per il
quale ci sarebbe anche parecchio lavoro da fare”, ha spiegato
Gatti alla San Marino Rtv. “La situazione difficile di San
Marino, fuori dalla white list antiriciclaggio, e’ nota a tutti”.
Il segretario ha comunque negato che l’indicazione di Masera,
e prima ancora quella di Paolo Savona (anche lui ha rinunciato
alla presidenza della Banca centrale della Repubblica) fossero in
qualche modo ispirate dal governo italiano. “Si tratta di scelte
esclusivamente sammarinesi” e presto la maggioranza sara’ in
grado di fare un nome di “eguale prestigio. Puntiamo in alto”.
Sul no di Masera potrebbero avere pesato le divergenze in
maggioranza, legate all’annunciata astensione di Europopolari e
Arengo e Liberta’. Molto critica anche l’opposizione, col
capogruppo Psd Claudio Felici. “Avevamo offerto collaborazione e
il governo ha mostrato il volto dell’arroganza”.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy