BANCHE. CS, IN CONSIGLIO AL VIA DIBATTITO FIUME

RICAPITALIZZAZIONE CRRSM, VALENTINI: “STATO NON INDIFFERENTE”
Quarantacinque interventi previsti per il dibattito consigliare sul riferimento del governo sulla
vicenda Credito sammarinese e piu’ in generale, sul sistema bancario. In chiusura dei lavori pomeridiani, il segretario di Stato per le Finanze, Pasquale Valentini, apre uno dei comma piu’
attesi della lunga sessione di ottobre, anticipando a breve provvedimenti normativi e fiscali, nonche’ un possibile intervento dello Stato nella ricapitalizzazione della Cassa di Risparmio di San Marino. Il segretario elenca quindi le criticita’ piu’ significative emerse in generale nel sistema bancario sammarinese negli ultimi anni: “la carenza di liquidita’, una patrimonializzazione non adeguata in diversi istituti, una dipendenza significativa dalla raccolta esterna al paese, una qualita’ non eccellente, per usare un eufemismo, di attivita’ e impiego, perche’ il sistema non era stato spinto per cercare qualita’”.
Valentini cita un ultimo fattore debolezza: il ruolo di Banca centrale non adeguatamente sostenuto e valorizzato. Le direttrici su cui si e’ mosso il governo sono tre: ridare autorevolezza a Bcsm, consolidare la logica di sistema, governo e istituzioni come ambito adeguato per accompagnare e gestire cambiamento in atto. Infine, l’accreditamento del sistema san Marino negli organismi internazionali e la definizione quadro di accordi internazionali e con l’Italia.
“Su queste tre direttive sottolineo due aspetti- evidenzia Valentini- l’accreditamento di San Marino sul piano bancario non puo’ che essere conseguenza di una messa in sicurezza del sistema sul piano patrimoniale e gestionale”.
Per questo, “dovremo intervenire, stiamo discutendo con Bcsm e le associazioni bancarie anche su provvedimenti normativi e fiscali”.  Il responsabile delle Finanze elenca quindi i problemi affrontati negli ultimi anni: in testa la vicenda Cassa di Risparmio-Delta. C’e’ attesa fiduciosa sulla pronuncia di domani del Tribunale di Bologna sull’omologazione dell’accordo della
banche creditrici. Ma “la vicenda non e’ finita qui”, puntualizza il segretario affrontando il tema della ricapitalizzazione del primo istituto del Paese. “Lo Stato non puo’ rimanere indifferenze- annuncia- stiamo valutando quali possono essere le forme di questa capitalizzazione, come e se deve intervenire”.
Valentini assicura che il Consiglio verra’ coinvolto non appena ci sara’ un piano piu’ preciso.
Altri nodi affrontari: la fusione Banca Agricola- Ibs che “entro l’anno dovrebbe arrivare a soluzione”. Il segretario assicura poi che il caso Fincapital e’ “indirizzato verso la sua
soluzione tramite la costituzione di una societa’ veicolo che si fara’ carico di tutte le passivita’ della finanziaria”. Infine, la piu’ recente, il default del gruppo Credito sammarinese, il
cui decreto “salva-depositi” sara’ messo a ratifica al termine del lungo dibattito.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy