BILANCIO. CONSIGLIO ESAMINA ASSESTAMENTO 2011 E 4 PDL PSRS

SULLE PRIME LETTURE INTERVIENE SOLO MINORANZA
I lavori consigliari proseguono a rilento e si fermano nel pomeriggio sulle prime letture, su cui i
consiglieri di minoranza intervengono in massa. Passano cosi’ in rassegna dell’Aula l’assestamento del Bilancio 2011, presentato nella seduta notturna di ieri dal segretario di Stato per le Finanze, Pasquale Valentini, e quattro progetti di legge del Psrs in tema di gestione dei conti pubblici. I lavori del Consiglio grande e generale si incentrano quindi sul dibattito dedicato alla presentazione in prima lettura della variazione di bilancio che, come annunciato nelle scorse settimane, prevede un aumento del deficit previsionale da 38 a 51 milioni di euro. A incidere sui conti, sono stati, spiega il segretario di Stato, l’istituzione del fondo di Garanzia dei depositanti, con un contributo di 5 milioni di euro a carico dello Stato, e la contrazione dell’imposta Igr, sempre per un valore di 5 milioni di euro, dovuta in generale “agli effetti negativi della crisi del sistema finanziario che impattano sulle redditivita’ delle
banche”.
Segue poi la presentazione di quattro provvedimenti da parte del capogruppo del Partito
socialista riformista, Paolo Crescentini.  Con il primo progetto “Introduzione di un tetto massimo della spesa corrente per il riequilibrio dei conti pubblici”, il gruppo consiliare del Psrs
propone di fissare un tetto alla spesa corrente per il 2012 e per il 2013, pari rispettivamente all’85% ed all’80%. Con la seconda proposta normativa, “Disciplina sulla gestione del patrimonio finanziario dello Stato”, i Socialisti riformisti ritengono invece necessario “un maggiore coinvolgimento e una sostanziale investitura del Consiglio grande e generale per l’autorizzazione di operazioni che impegnano in modo rilevante il patrimonio finanziario dello Stato”.
Mentre il terzo progetto di legge, intitolato “Informazione sui conti pubblici” impegna l’esecutivo a presentare trimestralmente al Consiglio un rapporto completo sullo stato dei
conti pubblici, “con l’obiettivo di informare periodicamente l’aula, visto il particolare momento di difficolta’ in cui versano le casse dello Stato”.
Complementare a questa proposta, e’ infine l’ultimo progetto presentato, “Monitoraggio sulla
situazione della Tesoreria dello Stato”, che impegna il congresso di Stato a presentare mensilmente all’Ufficio di presidenza la situazione della Tesoreria dello Stato e l’esposizione debitoria nei confronti degli enti pubblici, “al fine di garantire una gestione finanziaria trasparente e legale”. Il capogruppo Crescentini puntualizza che con le quattro proposte “il Psrs intende portare in maniera costruttiva e responsabile il proprio contributo, per trovare soluzioni che possano garantire la messa in sicurezza del bilancio dello Stato”.
Per questo auspica che “l’iter istituzionale non si arresti”.
Si susseguono quindi numerosi gli interventi dei consiglieri di minoranza: Upr, Psd, Su annunciano sostegno ai provvedimenti e al “modo costruttivo” con cui l’opposizione avanza proposte. Il segretario per le Finanze, Pasquale Valentini, si dice colpito dalle proposte e suggerisce possibili miglioramenti, come quella di aggiornare i riferimenti temporali nella proposta sulle informazioni dei conti pubblici. Si tratta di correzioni che durante i lavori della commissione consigliare, si augura, si potranno fare.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy