Calcio, Fabrizio Costantini confermato alla guida della Nazionale di San Marino

Fabrizio Costantini siederà sulla panchina della Nazionale di San Marino anche per le qualificazioni agli Europei di Germania 2024. La Federazione sammarinese giuoco calcio ha infatti rinnovato fiducia e incarico al Commissario Tecnico sammarinese, approdato alla guida dei Titani poco meno di un anno fa.

“Inutile negare che sia estremamente contento per il rinnovo, abbiamo iniziato un lavoro e credo che, al netto di un tempo di gioco con l’Estonia in cui siamo arrivati anche un po’ troppo stanchi, il resto sia andato piuttosto bene – commenta Fabrizio Costantini, Ct della Nazionale calcistica di San Marino, in una nota della Federcalcio sammarinese –. La squadra se l’è sempre giocata con tutti gli avversari affrontati e questa è certo un ottimo riscontro, tutt’altro che scontato. Se pensiamo poi alla partita con le Seychelles, ci portiamo dietro anche una punta di rimpianto per una vittoria sfumata: nonostante le molte defezioni nel reparto offensivo, quello 0-0 resta comunque un risultato positivo, cosa per noi non troppo ricorrente e che va dunque accolta in maniera positiva. Come dicevo pocanzi, il rimpianto per quella sfida ovviamente c’è, ma credo che ripartire dalle buone sensazioni avute per la quasi totalità del 2022, compresi gli incontri Lituania, Islanda e Malta, in cui siamo innegabilmente stati in partita dall’inizio alla fine, sfiorando o trovando anche il gol, sia un’ottima cosa”.

Alle spalle l’esperienza in Uefa Nations League, condivisa con Malta ed Estonia, oltre alle amichevoli ufficiali con Capo Verde, Lituania, Islanda e Seychelles.
Nella finestra internazionale di novembre, altre due amichevoli di carattere internazionale da programmare per chiudere al meglio il 2022. Che nel fine settimana ormai alle porte, aprirà una finestra sugli impegni della Nazionale di San Marino nel prossimo anno.

Domenica 9 ottobre, infatti, si terranno a Francoforte i sorteggi dei gironi di qualificazione a Euro 2024, la cui fase finale si giocherà in Germania.

L’inizio della cerimonia è previsto per le ore 12 e la Federcalcio di San Marino sarà rappresentata in loco dal presidente Marco Tura, il segretario generale Luigi Zafferani, il commissario tecnico Fabrizio Costantini, il team manager Simone Bacciocchi e l’addetto stampa Luca Pelliccioni.

“Le squadre inserite in prima e seconda fascia sono per noi intoccabili o quasi: in quelle partite andremo alla ricerca della nostra migliore prestazione, con l’intento di contrastare e rendere la vita difficile a questi giganti del calcio internazionale. Per ovvie ragioni, in termini tecnici la squadra che proverrà dalla quinta fascia di sorteggio sarà quella che più interessa noi ed il movimento: saranno quelle le due partite in cui proveremo a far qualcosa, detto che anche in questo raggruppamento ci sono formazioni in ascesa e piuttosto strutturate. Restano quelle in qualche modo più vicine, anche guardando il nostro percorso anno. Ciò non toglie che dovremo affrontare anche quelle sfide, e forse ancora maggiormente, con la massima umiltà – assicura Costantini –. Per il resto, ci sono incroci tanto affascinanti quanto pericolosi: l’ipotesi di trovare Portogallo, Francia e Norvegia, con relativi campioni, può rappresentare un forte elemento di richiamo per il pubblico. Personalmente però eviterei i campioni del mondo in carica, mentre in terza fascia le qualità fisiche e tecniche della Serbia, come della Norvegia, sono impressionanti.
In prima fascia il Portogallo: “Del resto una big è inevitabile incrociarla e se si trattasse dei lusitani, nonostante le incredibili difficoltà che porterebbe in dote l’ipotetica sfida, non mi dispiacerebbe”.

San Marino sarà inserito in sesta fascia, al pari di Andorra e Liechtenstein, come loro certo di fare parte di un raggruppamento composto da sei squadre.
Tra queste non potranno esserci Germania (già qualificata alla fase finale in quanto Paese ospitante), Italia, Croazia, Olanda e Spagna. Queste ultime saranno infatti inserite in un gruppo da cinque squadre, essendo impegnate prossimamente nelle fasi finali di Uefa Nations League.
È proprio il ranking maturato al termine della più giovane delle competizioni continentali a determinare i coefficienti d’ingresso e le fasce di sorteggio: così, se in prima fascia è concreta la possibilità di incrociare Portogallo o Belgio, tutta Europa si augura di evitare Francia e Inghilterra, associate alla seconda fascia.

“Rigiocarcela con Malta non sarebbe male, come anche misurarci con Lettonia e Gibilterra. Stanno tutte attraversando un momento di crescita, come credo anche la Nazionale di San Marino sotto determinati aspetti. Mi piacerebbe poterci confrontare, per capire effettivamente a che punto siamo in termini di competitività con formazioni maggiormente vicine ai nostri valori”, conclude Costantini.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy