Carisp San Marino – Delta. Masi sul ricorso Estuari

David Oddone di L’Informazione di San Marino: Masi: “siamo assolutamente tranquilli” /  Ricorso estuari, il presidente della Fondazione carisp non ha dubbi: “il raggiungimento dell’accordo fra i commissari e le banche creditrici ha già cominciato a produrre effetti positivi con l’arrivo in cassa di somme importanti e la prosecuzione nella regolare riscossione dei crediti”

Cosa potrebbe accadere qualora il Tribunale bolognese dovesse accogliere la tesi di Estuari volta a bloccare l’omologazione di accordo di ristrutturazione dei debiti di Delta? Lo ha spiegato al nostro giornale l’avvocato di Estuari, Carlo Enrico Salodini del foro di Bologna: “Innanzitutto la Cassa di Risparmio non avrebbe più la certezza di recuperare i propri crediti. Inoltre potrebbe essere soggetta alle percentuali di recupero che decideranno i liquidatori, con modifiche anche peggiorative”. Una tesi che non sconvolge più di tanto il presidente della Fondazione Carisp Tito Masi, che ci ha rilasciato una interessante intervista. Presidente, cosa ne pensa della possibilità di non recuperare i crediti che l’avvocato di Estuari prospetta per Carisp? “Io sono assolutamente tranquillo e sereno. Confermo che il raggiungimento dell’accordo fra i commissari e le banche creditrici – accordo depositato il 15 giugno presso il tribunale di Bologna – rappresenta l’elemento di svolta in questa vicenda nella quale la Cassa è stata coinvolta.

Le confermo anche che tale accordo ha già cominciato a produrre effetti positivi con l’arrivo in Carisp di somme importanti e la prosecuzione nella regolare riscossione dei crediti. Non nascondo con tutto ciò che il piano deve ancora essere omologato. Ma qualsiasi allarme in proposito appare ingiustificato e privo di fondamento”

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy