Congresso CDLS: 200 le assemblee con i lavoratori

Congresso CDLS: 200  le assemblee con i lavoratori  
SAN MARINO 22 FEBBAIO 2012 – E’ iniziato il conto alla rovescia verso il 14° Congresso della CDLS in agenda a fine marzo.  Si presenta come un vero tour de force il ciclo di assemblee pre-congressuali convocate dalle Federazioni della Confederazione Democratica.   Sono 200 gli appuntamenti convocati dalle Federazioni della CDLS  in tutti i posti di lavoro per discutere le tesi congressuali ed eleggere 385 delegati in rappresentanza degli oltre 7 mila iscritti alla CDLS.
“Oltre la crisi. Nell’equità e nella giustizia sociale”, questo il tema dibattuto  nelle assemblee e al centro dell’appuntamento congressuale in programma il 22-23-24 marzo al Palace Hotel di Serravalle.
“Il 14° congresso – afferma il segretario CDLS, Marco Tura – avrà come tema dominante il superamento della crisi.  Una crisi che sta provocando profondi cambiamenti e che ci obbliga a confrontarci  con uno scenario radicalmente diverso da quello dell’ultimo appuntamento congressuale. Da circa tre anni la Repubblica sta facendo i conti con una lunga via crucis di chiusure aziendali e di licenziamenti, accompagnata da un drastico aumento della disoccupazione”.
Scenario aggravato dal deficit del Bilancio dello Stato, che  sta imponendo sforzi di risanamento  in modo particolare  ai lavoratori dipendenti. “Mi riferisco – continua Tura – alle ultime Leggi Finanziarie che hanno introdotto la patrimoniale, l’addizionale Igr, il taglio delle indennità dei dipendenti pubblici e confermato l’assurdo, quanto ingiusto, prelievo ai redditi dei lavoratori frontalieri. Leggi Finanziarie che scontano  il peccato originale della mancata approvazione della Riforma Tributaria. Riforma che deve riprendere con urgenza e determinazione, ma soprattutto  senza condizionamenti,  il suo cammino legislativo per ridare un giusto equilibrio al nostro sistema fiscale”.
La maratona delle assemblee pre-congressuali è dominata anche dal tema dei rinnovi contrattuali. “A partire da quello del settore industria – sottolinea il segretario della CDLS – bloccato ai tempi del tavolo tripartito e tuttora arenato tra gli scogli di una infinita trattativa. Ma quella dei rinnovi  è  una vera e propria emergenza: il 2012 si è infatti aperto con i contratti dei settori pubblici e privati  tutti in scadenza, mentre l’inflazione dopo anni di pausa ha ripreso a correre. Una spirale pericolosa – conclude Marco Tura – che il movimento sindacale   ha l’assoluto dovere di spezzare”.  

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy