Consiglio straordinario, unico comma. Procedura d’urgenza

L’informazione di San Marino

CONSIGLIO STRAORDINARIO BLINDATA LA PROCEDURA D’URGENZA

Unico comma in discussione già oggi sul quale sarà votata in blocco la procedura d’urgenza sia per la Commissione di inchiesta, che sarà “unificata”, sia per il progetto di legge “salvabanche”

Alla fine sarà un voto unico per la procedura d’urgenza, sia per la legge costituzionale per l’istituzione della commissione di inchiesta, che alla fine sarà una unica, sia per la legge cosiddetta “salvabanche”. In riunione pre-consiliare la maggioranza mercoledì sera ha concordato al linea da tenere nell’Ufficio di presidenza svoltosi ieri mattina. Linea che, dopo la proposta della Reggenza per la regolamentazione dei lavori del Consiglio straordinario che si apre oggi, è stata condivisa in Ufficio di presidenza tra tutte le forze politiche. Nella sostanza si tratta di un unico comma che consentirà, senza scherzi, di votare la procedura d’urgenza per tutti e tre i provvedimenti.

Tre provvedimenti che si riducono a due, richiamati dai punti a) e b). Al punto a) si votano infatti le commissioni di inchiesta che, anziché due, saranno una unica, sia per la funzionalità sia per contenere le spese. Nella sostanza si tratterà di una commissione di inchiesta che, quindi, tratterà il caso Cis e poi le altre crisi che da Banca del Titano, passando per Bcs, Credito Sammarinese, EuroCommercialBank e Asset, hanno fino ad oggi interessato il sistema bancario. Obiettivo, insomma, individuare le responsabilità politiche che hanno condotto alla situazione attuale.

La commissione sarà formata da 12 membri, sei di maggioranza e sei di opposizione, con il presidente di spettanza della maggioranza. La legge che istituirà la Commissione di inchiesta, sarà una legge di rango costituzionale, considerato che dovrà trasferire, seppure in via temporanea, poteri che la Carta dei diritti dà ad un altro potere dello stato, la magistratura. Per questo per essere approvata necessiterà di una maggioranza qualificata di 39 voti.

Altra decisione è che la Commissione, nella designazione del magistrato consulente, delibererà a maggioranza qualificata  dei suoi membri, scelta che necessiterà quindi di un’ampia condivisione.

La legge “salvabanche”, invece, una volta approvata la procedura d’urgenza che verrà, si diceva, varata in blocco, è una legge ordinaria per l’approvazione della quale sarà sufficiente la maggioranza semplice, anche se è auspicabile, vista la fase preparatoria ampliamente condivisa, che ottenga l’appoggio di tutte le forze politiche. A quanto si sa ci sarebbe l’accordo per votarla in maniera palese.

La seduta si apre questa mattina. Non prevede il comma comunicazioni, in questi due anni terreno di divagazioni sull’universo mondo, e dovrebbe pertanto vedere un iter abbastanza veloce, considerato che pare che le forze politiche si siano accordate per interventi sintetici. La seduta del Consilgio è convocata comunque, oltre che per le 8 e 30, anche per le 15 e per le 21, con la possibilità di proseguire i lavori oltre la mezzanotte e persino, il giorno successivo se necessario. 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy