Draghi e Di Vizio, fibrillazioni a causa di San Marino

Stefano Elli di IlSole24Ore riferisce di un episodio singolare che dimostra l’esistenza di qualche fibrillazione, a causa delle indagini riguardanti San Marino (Re Nero e Varano), fra la procura di Forlì (Fabio di Vizio) e la Banca d’Italia (Mario Draghi).
L’episodio vede protagonista l’ispettore di Banca d’Italia Luigi Mancini (‘che aveva contribuito con verifiche alla Banca di Credito e Risparmio di Romagna‘, Re Nero), in quale dopo il pensionamento, 1° gennaio 2009, è stato scelto da Di Vizio ‘come consulente tecnico‘.
Scrive Elli: Mancini ‘con Di Vizio si era recato a Vermicino dove ha la sua sede il Centro studi di Bankitalia intitolato a Donato Menichella per un convegno sull’antiriciclaggio. Di Vizio è stato fatto entrare. Mancini è stato identificato e scortato fuori dall’aula da un ufficiale dei Carabinieri e ammonito a non rientrare‘.

L’episodio va letto con l’ autodifesa di Banca d’Italia che sullo stesso IlSole24Ore ha occupato quasi una intera pagina a firma di
Lionello Mancini?

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy