Europopolari per San Marino: prima la riforma fiscale

Pier Marino Menicucci, Europopolari per San Marino (coalizione Patto per San Marino, maggioranza in Consiglio Grande e Generale) attacca la proposta di legge di bilancio 2011 elaborata dal Governo, che rimanda la riforma fiscale, contro ogni principio di equità.

Lo spiega ad Antonella Zaghini di La Voce di Romagna – San Marino.

L’inasprimento della pressione fiscale, senza la possibilità di guardare al futuro, non ci convince”, ribadisce Pier Marino Menicucci che aggiunge: “E’ un modo per tappare il buco, ma senza nuove entrate, alla fine sarà stato un sacrificio pesante quanto inutile“. Gli Eps chiedono  “maggiore equità fiscale“, invece, sottolinea Menicucci, “a guardare l’impianto del bilancio di previsione a pagare le tasse saranno sempre i soliti noti“.

Eps non si sente per nulla rassicurato da quanto è scritto nell’articolo 1 della legge di bilancio di previsione, ossia che entro giugno 2011 verrà redatta la riforma fiscale. Per cui pollice verso sui prelievi straordinari sulle pensioni. “Lo consideriamo un provvedimento ingiusto, nonostante si parta da pensioni sopra i 2500 euro al mese. Non è un bel gesto toccare le pensioni che rappresentano il frutto del lavoro di una vita. E ci stupisce che un partito popolare come la Dc possa appoggiare misure di questo tipo.”

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy