Falsi Green pass, il procacciatore di pazienti: «L’ho fatto solo per aiutare amici e familiari»

I primi interrogatori: il medico Bonato e uno dei complici ‘collaborano’ con il giudice, mentre gli altri indagati fanno scena muta.

MANUEL SPADAZZI – «L’ho fatto per dare una mano a familiari e amici che si trovavano in difficoltà con il lavoro, non essendosi vaccinati. Ma io non sono affatto un No vax». Così si è difeso ieri Andrea Pontellini, il 38enne di Riccione accusato di essere uno dei ’procacciatori’ di clienti del medico Roberto Bonato nella maxi inchiesta sui falsi Green pass venduti a chi non si voleva vaccinare. Indagine partita a fine novembre dopo le prime segnalazioni dell’Ausl, e che ha scoperchiato il sistema messo in piedi, secondo gli inquirenti, da Bonato. Dei 234 certificati sospetti, il medico di famiglia di Cattolica ne avrebbe rilasciati ben 107 a persone che non figurano tra i suoi assistiti, venuti anche da fuori regione per ottenere il super Green pass senza vaccinarsi. (…)

Articolo tratto dal Resto del Carlino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy