Femminicidio Rimini. L’appello del killer in cella: «Voglio vedere mio figlio»

Simone Vultaggio si trova in carcere e vuole notizie del bimbo di 5 mesi Davanti al piccolo ha ucciso la madre e compagna Cristina Peroni.

LORENZO MUCCIOLI – È apparso disorientato. Non ancora del tutto consapevole del delitto commesso, quello della compagna, Cristina Peroni, 32 anni, massacrata sabato scorso con trenta coltellate nella casa di via Rastelli a Bellariva. Per quel femminicidio, il terzo registrato a Rimini nell’arco di pochi mesi, è finito in manette Simone Benedetto Vultaggio, 47 anni. Dal carcere ‘Casetti’, l’uomo continua a chiedere notizie del figlioletto di soli cinque mesi. «Come sta? Dove si trova in questo momento? Vorrei vederlo». Queste le domande ripetute come un mantra al suo avvocato, Alessandro Buzzoni. Vultaggio, accusato di omicidio volontario aggravato, fino ad ora si è sempre avvalso della facoltà di non rispondere. Oggi sono previsti sia l’interrogatorio di garanzia che l’autopsia sul corpo della vittima, disposta dal sostituto procuratore Luca Bertuzzi e affidata alla consulente tecnica Loredana Buscemi. (…)

Articolo tratto dal Resto del Carlino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy