Giornata della Pace, i Capitani Reggenti di San Marino rispondono al messaggio di Papa Francesco

La Segreteria di Stato per gli Affari Esteri rende noto che in data odierna, attraverso i canali diplomatici è stato fatto pervenire presso la Santa Sede il messaggio che gli Eccellentissimi Capitani Reggenti, S.E. Maria Luisa Berti e S.E. Manuel Ciavatta, hanno indirizzato al Santo Padre in risposta al Messaggio per la 56^ Giornata Mondiale della Pace che si celebra il 1 gennaio.

A tal riguardo si riporta, di seguito, il testo integrale del messaggio delle loro Eccellenze.

“I Capitani Reggenti della Repubblica di San Marino si associano convintamente al Messaggio di Sua Santità Papa Francesco per la 56^ Giornata Mondiale della Pace che, mai come in questa difficile congiuntura, richiama al senso profondo di comunità e di fraternità solidale, quale via maestra da percorrere per fronteggiare le sfide più recenti.

Dinnanzi ad una pandemia che ha messo in ginocchio interi Popoli e Nazioni, scardinando assetti e minando equilibri costruiti nel tempo, è emersa la chiara consapevolezza del bisogno dell’altro, del mutuo sostegno e del valore intrinseco della parola “insieme”.
“Il futuro sarà di speranza se sarà insieme”; l’incessante invocazione del Santo Padre all’unità, assume oggi valore profetico per la nostra umanità, colpita e vessata dalle perduranti emergenze.

Un atteggiamento che la Repubblica di San Marino ha fatto proprio, ispirandone la propria azione, anche nel solco della sua vocazione identitaria a farsi prossima, e a non lesinare sforzi per alleviare le sofferenze dei suoi cittadini, contribuendo a sostenere le cause globali.

Di pari passo con l’emergenza sanitaria, l’incubo della guerra ai confini dell’Europa, in quell’antico Continente che diffonde strenuamente i valori del dialogo e della riconciliazione, della pace e del rispetto dei diritti, ha nuovamente gettato sconforto e scosso la vita delle Istituzioni e dei suoi cittadini.

Le parole del Santo Padre illuminano le menti e i cuori di chi anela al bene comune e alla pacifica convivenza; sono parole che non nascondono l’amarezza e la delusione dello scontro pregiudiziale e dei conflitti ideologici e fra fedi religiose, ma che inducono ad esplorare tutte le vie del dialogo e della mediazione, che spronano ad essere fiduciosi artigiani di pace, nel pieno rispetto delle norme codificate e dell’alta responsabilità etica, civile e morale.

In questo spirito i Capitani Reggenti della Repubblica di San Marino, si associano all’unanime tributo della Comunità di Stati e, con animo deferente e colmo di gratitudine, rinnovano a Sua Santità Papa Francesco voti augurali di personale benessere, nell’auspicio della prosecuzione di un’azione pastorale encomiabile e incessante, dedicata al bene esclusivo del mondo intero.”

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy