I produttori di latte contro il Governo per come dismette la Centrale del Latte

I produttori di latte sammarinesi esprimono vivo rammarico per il non accoglimento del progetto tutto sammarinese per la gestione della Centrale del Latte.

Per il rilancio e lo sviluppo del settore lattiero-caseario è fondamentale attivare sinergie locali e non perdere la propria identità, il legame con il territorio e le tradizioni. Per soddisfare i principali bisogni del consumatore – sicurezza alimentare, qualità, genuinità, – poter rimanere sul mercato, essere competitivi, in un’epoca contraddistinta dalla globalizzazione, è necessario tutelare la tipicità delle nostre produzioni, salvaguardare le nostre tradizioni e peculiarità.

Pertanto un progetto a carattere prevalentemente industriale, dove il latte proveniente dagli allevamenti sammarinesi rappresenta una piccolissima parte del volume di latte lavorato giornalmente, in quanto è prevista una lavorazione giornaliera di latte enormemente superiore a quello prodotto in territorio, con conseguente movimentazione e stoccaggio di latte elevati, lo riteniamo sproporzionato e sovradimensionato per il nostro territorio.
Riguardo l’intervento del Segretario all’Agricoltura nella seduta u.s. del Consiglio Grande e Generale concordiamo perfettamente sull’affidabilità dell’azienda, ma ciò che potrebbe destare preoccupazione è proprio il superamento delle quote latte da parte della Cooperativa Lombarda.

Nell’Unione Europea, il settore lattiero-caseario, è regolato da precise norme relative alle quantità di latte prodotto e trasformato. La commercializzazione del latte bovino è soggetta a limiti attraverso la fissazione di quantitativi di riferimento nazionali (quote) da non superare.

Il termine “regime” sta appunto a significare che i Soggetti che a vari livelli operano nel comparto devono attenersi a regole inderogabili, pena la comminazione di severe sanzioni.

Qualche riflessione è quindi legittima, riportiamo uno stralcio dell’articolo di un esponente di Sinistra Unita apparso sulla stampa il mese scorso:” Ora!… Pensate che simpatica cosa sarebbe se fra qualche anno uno zelante funzionario dell’Unione Europea ci dovesse domandare spiegazioni su qualche centinaia di tonnellata di formaggi molli o stagionati, latte fresco o yogurt che invadessero il suolo commerciale del mercato unico europeo… Il tutto alla faccia delle politiche agrarie europee e delle sue quote produttive. Questa volta la domanda al nostro Governo sarebbe: “Ma quante vacche avete nella Repubblica di San Marino?” ed ovvia ne sarebbe la risposta: “Cari signori,…poche vacche su 60 Kmq ma sicuramente una sola grande…. Bufala!”.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy