Il destino dei giochi in mano al Collegio Garante

Il Collegio Garante delle Costituzionalità delle Norme è stato chiamato a pronunciarsi sul ricorso presentato da 24 consiglieri dell’opposizione, teso ad annullare l’assegnazione della gestione dei giochi a privati.
Oggi l’udienza pubblica.
I 24 ritengono che la legge in base alla quale è avvenuta l’assegnazione non recepisca in toto, come avrebbe dovuto, la volontà dei promotori del referendum sui giochi. Cioè che la gestione dei giochi sia interamente pubblica. Vale a dire nella completa responsabilità dello Stato come chiedeva, appunto, il testo referendario.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy