ITALIA-S.MARINO. GDF: ‘COLLABORAZIONE SEMPRE PIU’ INTENSA’ Agenzia Dire-Torre1

GENERALE CARBONE IN VISITA UFFICIALE NELLA PICCOLA REPUBBLICA
Fiamme gialle e autorità fiscali sammarinesi si tendono sempre piu’ spesso la mano. E’ un segnale di pace quello lanciato dal generale Michele Carbone della Guardia di Finanza, salito oggi sul Titano, accompagnato anche dal colonnello Mario Venceslai, comandante provinciale di Rimini, per incontrare i segretari di Stato per gli Affari interni, Valeria Ciavatta, e all’Industria, Marco Arzilli, e il responsabile dell’Ufficio centrale di collegamento, Lucio
Daniele. Intervistato dai microfoni di Smtv, il graduato del comando generale della Gdf ricorda che la sua ultima visita risale al luglio del 2010: “Sono tornato a San Marino a distanza
di meno di 2 anni”, spiega. E la sua seconda visita e’ “testimonianza concreta di come la collaborazione tra la Repubblica italiana con la Guardia di Finanza e le autorita’ fiscali della Repubblica di San Marino sia abbastanza intensa”.
La cooperazione tra le autorita’ fiscali dei due Paesi “si sta sempre piu’ intensificando- ribadisce Carbone- grazie anche a dei progressi e dei provvedimenti normativi che San Marino ha adottato negli ultimi due anni”. Questo, chiosa, “agevola i rapporti di collaborazione sicuramente”. E questo non stride con il rimbalzare sulla cronaca del nome della piccola Repubblica in indagini che la riguardano e che, spesso, vedono per protagonista
la Gdf.
“Riguardo al riferimento di San Marino in attivita’ e indagini- puntualizza infatti il generale-
e’ chiaro che spesso queste risalgono a periodi passati e nulla hanno a che fare con iniziative che San Marino sta adottando anche sul piano internazionale”. Le parole di Carbone seguono di pochi giorni le dichiarazioni del “collega” dell’Agenzia delle Entrate, Luigi Magistro, direttore centrale dell’accertamento.
In un convegno tenutosi a Pavia venerdi’ scorso, dedicato ai rapporti con i Paesi in black list, Magistro ha infatti promosso il Titano per la sua attuale collaborazione. La visita di Carbone si e’ conclusa infine con un’udienza privata con i Capitani Reggenti Maurizio Rattini e Italo Righi.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy