La Fondazione a San Marino di Ugolini. Morri (Istruzione) sul ‘Crocifisso’

Andrea Palladino ieri su L’Unità tirando in ballo la Fondazione ‘Giacomo Maria Ugolini‘, ha parlato di un misterioso Crocifisso.

Si tratterebbe di ‘una statuetta di quaranta centimetri in giro per il mondo che racchiude segreti e intrecci tra massoneria, ‘ndrangheta e pezzi del Vaticano. Un crocifisso ligneo, ricercato oggi dall’antimafia di Reggio Calabria, sparito da più di un anno, custodito – racconta a mezza bocca qualcuno – nei depositi di qualche banca newyorkese. Non un pezzo qualsiasi, c’è chi giura che si tratti di un Michelangelo. Anzi, di più, potrebbe essere la chiave per scoprire il ‘Codice Michelangelo’, il segreto nascosto per secoli, capace di riportarci alla sapienza degli antichi greci, unendo umano e divino attraverso simboli esoterici. O meglio ancora, ‘il Cristo di Michelangelo’, una sorta di Santo Graal della storia dell’arte, un simbolo po’ fiabesco che appassiona esperti da decenni.

Il ‘pezzo’ è stato oggetto di un incontro ‘nella sala Pio XI dell’università Lateranense di Roma ‘ presenti, fra altri, il rettore, monsignor Rino Fisichella ed il ‘gesuita Heinrich Pfeiffer, docente della Gregoriana e considerato uno dei massimi esperti di arte sacra e soprattutto di Michelangelo‘.
Ebbene fra gli ‘altri’ c’era anche Romeo Morri, Segretario di Stato alla Pubblica Istruzione accompagnato dal giornalista Andrea Pampanara.

Lo si apprende da La Voce di Romagna – San Marino.
Boccardelli – ricorda Morri – aveva illustrato l’oggetto di culto sia da un punto di vista artistico, sia fornendo delle prove sull’autenticità del pezzo.
Un oggetto davvero pregiato. Tant’è che mi sarebbe piaciuto poterlo esporre a San Marino. Ma qui che io sappia non è mai arrivato.

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy