La questione dei giochi

 Sulla 
Giochi  San Marino

Articoli vari dal 2001, gli ordini del giorno approvati dal Consiglio 
nel maggio e nell’ottobre 2005 e dibattito in Consiglio nella  seduta del 27
ottobre 2005 con gli interventi

 

La questione dei
giochi

 

 La
convenzione Stato-Consorzio di Singapore che sta alla base della vicenda dei
giochi  a San Marino, è stata approvata dal Congresso di Stato nella seduta del
22 ottobre 2001. Approvata dopo aver “sentito il riferimento” dei Segretari di
Stato: per gli Affari Interni, Fiorenzo Stolfi; per le Finanze, Clelio Galassi;
per la Pubblica Istruzione, Pasquale Valentini; per il Territorio, Fabio
Berardi; per il Turismo, Paride Andreoli.

La convenzione si compone di titolo, premessa e 23
articoli. Tratta due argomenti: il complesso edilizio a Murata (mega albergo e
annessi) e la concessione dei giochi in esclusiva per cinque anni.

In effetti il Consorzio sfrutta solo la concessione
dei giochi: inizialmente il Bingo poi il Keno.

La sale giochi sono aperte inizialmente dentro l’ex
Kursaal in attesa che diventi disponibile l’ex Garage Masi.

I sammarinesi apprendono della convenzione e della
concessione da giornali esterni alla Repubblica.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy