La Serenissima: “Presto una legge sulle criptovalute anche a San Marino”

Crypto, presto una legge anche a San Marino

DAVID ODDONE – (…) Lasciare le criptovalute nel loro attuale stato “non regolamentato” pone una serie di problemi non di poco conto per i consumatori, che corrono il rischio di acquistare prodotti inadatti che non capiscono veramente. Inoltre in assenza di standard legali minimi per il rischio operativo, compresi i rischi informatici, gli investitori sono esposti a pericoli quali hacking, interruzioni del trading, commissioni non trasparenti e perdita di dati. Fino a quando tutto questo non sarà risolto, la protezione del consumatore e dell’investitore in questo momento avverrà attraverso i regolamenti dei partecipanti al mercato, in particolare in relazione alle società di investimento e alle sedi di negoziazione. Un po’ poco francamente, soprattutto in rapporto alla mole di transazioni! E San Marino? L’obiettivo è quello di arrivare a normare il settore entro la fine dell’anno. Traguardo certamente ambizioso, ma anche fondamentale per tutelare gli utenti, ma anche per permettere a chi ha le carte in regola di operare. Un balzo in avanti in questo campo è vitale per la nostra Repubblica, visto che l’attuale governo sta facendo proprio dell’innovazione il suo cavallo di battaglia. (…)

Articolo tratto da La Serenissima

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy