San Marino. Caso Banca Cis, parla l’avvocato Pagliai: “Non sono i correntisti che possono perseguire chi è fuggito col malloppo”

Ex Cis: “Non sono i correntisti che possono perseguire chi è fuggito col malloppo”. Parla l’avvocato Pagliai: “Ora attendiamo la Cedu, ma siamo aperti al dialogo”

DAVID ODDONE – È notizia di questi giorni che il Comitato correntisti sammarinesi ha presentato ricorso a Strasburgo presso la Corte Europea dei diritti dell’uomo. Per capire di che cosa si tratta e fare chiarezza, abbiamo intervistato l’avvocato Stefano Pagliai del foro di Firenze, il quale rappresenta legalmente i correntisti. (…)

Voi contestate chiaramente la legge che ha permesso la conversione in titoli. Alla Corte di Strasburgo però non è possibile andare solo dopo avere esperito ogni grado interno di giudizio? “La conversione è avvenuta in forza di un provvedimento di Legge. L’ordinamento sammarinese, come del resto quello italiano, prevede dei casi di ricorso diretto al Collegio Garante – l’unico che può esprimersi sulla legittimità di un provvedimento legislativo – ma che non sono riservati ai singoli cittadini. In questi casi la giurisprudenza della Corte si è a più riprese espressa nel permettere l’accesso al giudizio senza necessità di dover adire le vie di ricorso interne che, per i singoli, non sono immediatamente accessibili”.

Non crede che se lo Stato sammarinese ha preso una decisione del genere, lo ha fatto per garantire la tenuta del sistema e dunque tutelare gli stessi cittadini e correntisti? “Io comprendo che ovviamente c’è il tema di garantire la tenuta delle finanze pubbliche ma, insisto, a questi cittadini – sammarinesi ma anche italiani – ‘è stato lo Stato’ – scusi il gioco di parole – a promettere e garantire certe cose. Trovare un nuovo equilibrio, previa attivazione dei canali di dialogo, era possibile ma si è preferito un intervento unilaterale e attuato in ‘zona Cesarini’. I 3 anni di attesa del piano di risoluzione oggi sono diventati 13! Questa più che una modifica è un tradimento delle garanzie fornite e sempre confermate dal 2019 al giugno 2022”.

In tutto questo marasma, la sensazione è che al solito i cosiddetti “pirati della finanza”, coloro che hanno creato i dissesti e che poi sono i veri colpevoli, la facciano sempre franca. Chi invece paga sono cittadini, ma anche gli stessi governi che a questi problemi devono trovare una risoluzione. Che ne pensa? “Ha perfettamente ragione e la ringrazio della domanda per chiarire un punto. I più arrabbiati – per usare un eufemismo – con i responsabili del dissesto di Banca Cis sono proprio gli ex correntisti. Sono loro che stanno pagando i danni più rilevanti di quanto avvenuto. Questo, però, non può significare che possano e debbano essere i correntisti ad individuare o perseguire chi è ‘fuggito col malloppo’, se mi passa quest’espressione. Di questo devono occuparsi le istituzioni competenti, Magistratura e Banca Centrale in primis. Torno al punto di partenza: lo Stato aveva garantito il rimborso in base a certi criteri e garanzie ai risparmiatori innocenti che non possono essere certo essere ritenuti colpevoli di aver depositato i propri risparmi presso un Istituto che, fino al 2019, era regolarmente autorizzato alla raccolta e alla gestione”. (…)

Articolo tratto da La Serenissima

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy