L’accoltellatore dell’istituto Alberti di Rimini al Pm: «Sono pentito». I vocali agli amici però direbbero altro

Lo studente che ha aggredito il compagno di classe è stato a lungo ascoltato in Procura

ENRICO CHIAVEGATTI – Si dice pentito di quanto ha fatto ma del pentimento non ci sarebbe traccia nei messaggi vocali che avrebbe inviato agli amici in diverse occasioni. Sono le due facce della verità su quanto avvenuto la mattina del 9 febbraio scorso in un laboratorio dell’istituto professionale Leon Battista Alberti. Qui uno studente ripetente ha ferito con una coltellata all’addome un compagno di classe di un anno più piccolo. Fendente, ha ripetuto anche martedì in un lungo faccia a faccia alla Procura dei Minorenni di Bologna, sferrato perché esasperato dalle continue vessazioni subite dall’inizio dell’anno e perché temeva per la propria incolumità fisica. (…)

Articolo tratto dal Corriere di Romagna

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy