Lucio Amati: nuova esternazione. Secondo squarcio sulla Tangentopoli di San Marino

 

 

Care
Amiche ed Amici,

 

questo
è il mio intervento di agosto, e spero aiuti a comprendere come sia
avvenuto che la nostra Repubblica sia caduta nelle mani di una Lobby/Loggia
composta da personaggi Romani e Sammarinesi, utilizzando anche presenze Marchigiane.

 

Ed
io intendo spiegarVi gli steps di questo progressivo impadronimento del nostro
Paese, quali centri di potere questa Lobby/Loggia abbia già conquistato e quali
altri obiettivi strategici abbia in mente.

Io
credo che tutto sia nato con la venuta a San Marino di Vincenzo Tagliaferro nel
giugno 2008 ; Tagliaferro è nato a Napoli, ed ha lavorato a Palermo ed a Roma ;
un maestro, quindi, nell’arte di manipolare, ingannare, costruire progetti
magari non “giuridicamente illeciti”, ma certo eticamente riprorevoli.

Ed
io ne ho fatto personalmente l’esperienza, quando, su incarico di questa
Lobby/Loggia, nell’estate 2010, Tagliaferro mi si presentò quale advisor della
famiglia Reggini e tentò di scipparmi il Credito Sammarinese ; io mi ribellai a
questo sopruso, denunciai per aggiotaggio gli autori di questo tentativo,
(denuncia archiviata naturalmente dalla D.ssa Laura Di Bona) ; ricorsi anche al
Tribunale Amministrativo e vinsi (forse perché era ancora in vita il Giudice
Giuseppe Costanzo) ; però avete tutti visto quanto mi sia costata questa
ribellione!

 

Ma
torniamo al tema ; e cosa ha visto Tagliaferro nel 2008?? Un Paese senza un
progetto, con una classe politica modesta, litigiosa ed incapace di pensare ad
un PROGETTO SAN MARINO STRATEGICO ; un Paese parcellizzato e diviso in tanti
piccoli o grandi centri di potere, a volte alleati, a volte in lotta tra loro.

E
nel contempo, ha intuito le grandi opportunità che potevano presentarsi al
nostro Paese, in tanti campi, da quello Bancario/Finanziario, a quello dei
Giochi, all’Aviazione, tutti settori nei quali, una volta naturalmente
recuperati i rapporti con l’Italia, e disponendo di contatti, relazioni e mezzi
finanziari, si potevano fare cose bellissime.

 

E
così è partito il  “Business San Marino”  da parte di questa
Lobby/Loggia.

E
appena dopo infatti, nel 2009, ecco arrivare i primi Romani, Sergio Gemma e
Renato Clarizia, strenui difensori, assieme a Gabriele Gatti, allora Segretario
di Stato alle Finanze ed a Ciccio Mazzetta, lì formalmente in veste di
avvocato, degli interessi di Fingestus e della famiglia Bianchini ; così bravi,
tutti assieme (anche perché ormai decidevano loro!) da far ottenere a Fingestus
la liquidazione volontaria, invece di quella coatta che non sembrava
assolutamente evitabile, date le enormi passività!!

Poi
Sergio Gemma deve aver così bene meritato che lo fanno subito Commissario
Liquidatore della Banca Commerciale con l’ovvio compito di strapparla ai
proprietari e di regalarla agli amici, in questo caso all’Asset Banca, con il
risultato che abbiamo letto sui giornali ; l’Asset Banca ha avuto in regalo 200
milioni di depositi, 4.000 conti correnti, quindi Clienti!, gli immobili di
Piazza Tini e di Domagnano, e nulla ha dovuto pagare per questo enorme regalo, salvo
che Pasqualino ci dica qualcosa di diverso
; per questo enorme regalo fatto
all’Asset, noi cittadini, invece, dovremo pagare 5 milioni in più di tasse ; se
qualcuno capisce il senso di tutto ciò, mi mandi una mail per gentilezza, e me
lo spieghi!  Dai, Pasqualino, provaci tu!

Ma
voglio farla breve e quindi ecco finalmente nel 2010 Mario Giannini alla
Direzione Generale, Renato Clarizia alla Presidenza e così Banca Centrale è
conquistata
, ed il sistema bancario/finanziario è loro!!!

Per
il Tribunale, invece, è stato tutto più facile ; il Prof. Nuzzo, che oggi
sappiamo socio di Matteo Mularoni ed amico di Gabriele Gatti, aveva già una
propria protetta a San Marino, la D.ssa Valeria Pierfelici, già sua assistente
ad Urbino, la quale nel frattempo aveva fatto carriera ed era diventata
Magistrato Dirigente.

C’era
poi stato, è vero, l’inciampo della sua mancata rielezione nel 2009, ma si è
subito provveduto, espellendo dal Tribunale tutti quelli che avevano avuto
ruolo nella sua sconfitta (e recuperando Buriani) ; e quindi fuori la Vannucci
che aveva osato prendere 10 voti senza chiedere permesso, fuori Marsili, fuori
Ceccarini e, per loro fortuna, non c’era più il Giudice Costanzo,
prematuramente scomparso.

Quindi
bastava essere più accorti per il futuro, assumendo da quell’Ufficio di
Collocamento che era diventata la facoltà di Giurisprudenza di Urbino, sulla
quale vegliava il Prof. Nuzzo, solo persone (futuri Commissari) molto fidate ed
ubbidienti ; e così anche il Tribunale è stato occupato.

C’era
poi infine da sistemare
il mondo delle Armi, della Sicurezza, ed è
stata davvero una bella fortuna che nelle sue annate maceratesi il Dott.
Vincenzo Tagliaferro avesse potuto conoscere un altro maceratese d’adozione, il
Colonnello Alessandro Gentili,  proprio la persona giusta perchè anche
questo centro di potere finisse in mani amiche e fedeli.

Ho
finito.  Ecco quindi la Loggia/Lobby. Un gruppo di Romani, Nuzzo,
Gemma e Clarizia (affiancati dai loro vassalli Tagliaferro, Gumina, Giannini),
un gruppetto di Sammarinesi ed eccoci tornati al 1906, con una simpatica
oligarchia che ci sta nelle dita di una mano : Matteo Mularoni, Enzo Mularoni,
Tito Masi, Gabriele Gatti, e mettiamoci anche, se lo merita!, Ciccio Mazzetta e
basta là ; un gruppetto pronto a valersi della intelligenza, competenza,
preparazione, disonestà, relazioni dei Romani ; aggiungiamoci i soldi, che
servono sempre, ma quelli si troveranno, magari diventando Proprietari/Controllori
della Cassa di Risparmio
.

E
magari con quei soldi e con la SMIA (San Marino International Airport),
costituita ad hoc, con l’ormai onnipresente Matteo Mularoni quale Consulente,
suo cognato Marco Reggini Consigliere (ah!, la famiglia..), il fidato
commercialista John Mazza, chissà che non partano anche dei meravigliosi
business dalle parti di Rimini (non a caso Matteo e Nuzzo vi  hanno già
aperto uno studio al n° 11 di Via Gambalunga,  frequentato anche dall’Avv.
Laura Gatti, ah! la famiglia…) ; magari intanto l’Aeroporto!!!   e
poi la Fiera, chissà……

 

E
poi ci sono sempre pronti gli amici a fare affari con questa Lobby/Loggia ;
magari va a finire che con Marino Grandoni si troverà una intesa e così si
piazzeranno nel “suo” immobile a Rovereta (in buona parte è un regalo
ricevuto in dono con la Euro Commercial Bank
) i Giochi, visto che
Marino, dopo aver inizialmente perso circa 29 milioni con la sua Banca Partner
ed essersi così mangiato praticamente tutto il capitale sociale, nella
simpatica totale indifferenza dei nuovi vertici Romani di BCSM, ha cominciato
una volata che sembra non avere fine ; e poi c’è sempre anche Ambrogio, con i
suoi terreni, i suoi immobili e le sue banche, e poi c’è Piero, vuoi che non si
farà qualcosa anche lì…..??

Certo
che forse è un’altra occasione perduta…lo sviluppo di RSM che invece di andare
a beneficio della collettività, finisce nelle tasche (scusate, sono poco
elegante..) volevo dire mani  di una decina di  persone..

Sono
un po’ triste, francamente speravo un po’ meglio….però ogni tanto penso che
molte partite si sono risolte al 93esimo e chissà che anche questa volta….che
non sia ancora finita…… forza Sammarinesi!!!!!!!!!!

 

Speriamo.
Ciao a
Tutti.                                            

 

Lucio
Amati

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy