Messaggio Capitani Reggenti in occasione celebrazione giornata internazionale della pace

MESSAGGIO DEI CAPITANI REGGENTI
MAURIZIO RATTINI – ITALO RIGHI
IN OCCASIONE DELLA CELEBRAZIONE DELLA
GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA PACE

Ogni anno il 21 settembre si celebra in tutto il mondo la Giornata Internazionale della Pace. Tale ricorrenza è stata istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite per rafforzare l’ideale di pacifica convivenza tra Paesi e popoli offrendo agli individui, alle organizzazioni e alle Nazioni un’opportunità per impegnarsi in azioni finalizzate alla diffusione della cultura della pace.
In questa giornata, dedicata al tema della “Pace sostenibile per uno sviluppo sostenibile”, siamo tutti invitati a riflettere sul prezzo che l’intera umanità sta pagando a causa delle tante guerre ancora in corso, in termini di inutili e soprattutto inaccettabili perdite di vite umane e di impatto devastante sulle strutture su cui si fonda la società.

L’ineguaglianza esistente tra i popoli della terra nell’utilizzo delle risorse, nelle condizioni di vita e nel riconoscimento dei diritti, mette a nudo la profonda ingiustizia che rafforza l’instabilità mondiale, alimenta i conflitti e spinge a ricorrere alla guerra come strumento per tenere sotto controllo le contraddizioni.
Ma la guerra, al di là del dolore e del terrore che la caratterizzano, non è una soluzione, bensì finisce per accentuare le distanze e le differenze tra persone, popoli e culture, aggravando lo stato di tensione e di povertà, le malattie e le privazioni.
Le limitate risorse del nostro pianeta dovrebbero, al contrario, essere utilizzate per promuovere il benessere dell’umanità intera e non per finanziare guerre e conflitti, garantendo in particolare a quei bambini che crescono in un clima di odio e di violenza e sono talora reclutati negli eserciti come soldati, il fondamentale diritto alla vita e ad un’infanzia vera.

Questa ricorrenza intende rinnovare l’invito a non rassegnarsi all’ineluttabilità della guerra e del conflitto, a contribuire attivamente alla pace ed a prevenire ovunque le ragioni della violenza, con una gestione sostenibile delle risorse, con la promozione di una cultura di solidarietà, di dialogo e di pacifica convivenza tra uomini e popoli di cultura e fede differenti.
Al termine di questo breve messaggio, desideriamo pertanto testimoniare la nostra più ampia condivisione nei confronti di chi manifesta contrarietà alle ragioni della forza e di chi opera per condividere i frutti della pace e mira ad estenderli.

La nostra Repubblica continuerà ad adoperarsi per sostenere, in ogni sede in cui è presente, ogni sforzo compiuto dalla comunità internazionale a favore della pace, del dialogo interculturale e della promozione dei diritti umani, richiamandosi a quegli ideali di rispetto della dignità di ogni persona, di tolleranza e di solidarietà che hanno caratterizzato la sua storia millenaria.

REGGENZA DELLA REPUBBLICA

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy