Mezza estate da record per la Riviera romagnola

La Riviera fa i salti di gioia: “Mezza estate da record”. Il sindaco di Rimini esulta: “Ci adattiamo a tutto, nessuno fa meglio di noi”. Bilancio turistico positivo, si attende il boom di prenotazioni per agosto

GIUSEPPE CATAPANO – Jamil Sadegholvaad, sindaco di Rimini, porta all’estremo un concetto. “Nessuno fa meglio di noi. Ci siamo adattati a un contesto problematico”. Il turismo nella Riviera romagnola è ripartito. E il primo bilancio dell’estate è da incorniciare: dal 1° giugno al 3 luglio il sistema ricettivo di Rimini ha fatto registrare una percentuale media del 73,4% di occupazione nelle strutture alberghiere, con picchi del 95%. Nonostante la pandemia, la guerra, che tra l’altro si traduce anche nell’assenza forzata dei russi, e con i rincari che erodono il potere d’acquisto delle famiglie. Ecco che allora entra in gioco un altro parametro a rendere attrattiva (o meno) una località balneare: è proprio la capacità di adattamento richiamata da Sadegholvaad. “È arrivata la pandemia – dice Patrizia Rinaldis, presidente territoriale di Federalberghi – e molti albergatori ne hanno approfittato per ricostruire gli hotel. La stessa Rimini è cambiata tanto, in meglio. E i turisti lo dicono: la Riviera è bellissima”. Bella e accogliente. Anche per gli stranieri. Il 30% degli ospiti viene dall’estero, soprattutto dalla Germania: si tratta di turisti che si fermano per più giorni e con capacità di spesa elevata. La loro presenza va a abbondantemente a compensare la quota di italiani che per vari motivi rinuncia alle vacanze. Perché il Covid c’è eccome e ha ancora un impatto sulle prenotazioni. (…)

Articolo tratto da Il Resto del Carlino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy