Rimini. Busta sospetta all’Agenzia delle entrate

Corriere RomagnaAgenzia delle Entrate / Scatta l’allarme per una busta sospetta / Dopo una giornata di controlli e  precauzioni  esclusa la presenza di sostanze nocive o esplosive

RIMINI. Un allarme antrace è scattato, intorno alle 11, nella sede dell’Agenzia delle Entrate, di via Macanno, a Rimini, in seguito al rinvenimento di una busta sospetta contenente qualcosa che assomiglia a della polvere. L’impiegato incaricato dello smistamento nota che sulla busta, oltre a mancare l’indicazione del mittente, sono incollati anche alcuni articoli di giornale. Un collage di strani ritagli riguardanti cifre, processi, ricomposti senza un vero e proprio senso logico. La cosa più sensata è fare scattare i protocolli di sicurezza. Nel giro di pochi minuti piombano sul posto polizia, con tanto di cani anti-esplosivo al seguito, vigili del fuoco, personale sanitario dell’Asl.

L’edificio è stato inizialmente sgomberato a scopo precauzionale, ma poi per l’intera giornata soltanto due uffici sono rimasti vuoti e isolati in vista di una eventuale bonifica. I quattro dipendenti che erano entrati in contatto con la busta sono stati tenuti sotto osservazione per un paio d’ore, ma non hanno accusato alcun sintomo. Nei loro confronti, quindi, non si è resa necessaria alcuna profilassi. Sì è così escluso ben presto l’allarme chimico-batteriologico, ma, sempre come da protocollo, sono stati interessati anche gli artificieri (…)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy