San Marino. “Reti 5G: solo vantaggi o anche rischi per la salute?”

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato dell’Associazione Salute Attiva.

[c.s.] L’implementazione di reti wireless di 5° tecnologia è ormai una realtà, San Marino è il primo paese nel continente europeo ad essere interamente coperto da questa tecnologia. La rete 5G o Internet delle cose, non è solamente una logica evoluzione delle tecnologie di terza e quarta generazione, ma una vera e propria rivoluzione tecnologica. Grazie alle potenzialità delle nuove reti tutto sarà connesso, gli oggetti dei quali ci serviamo quotidianamente, le automobili, persino le fabbriche saranno completamente automatizzate. Ma a quale prezzo per la salute? Nel mondo diversi cittadini si stanno mobilitando per una moratoria, centosettanta scienziati hanno scritto ai governi di sospendere le installazioni, recentemente il TAR del Lazio ha intimato al MIUR Italiano di segnalare negli edifici scolastici la pericolosità delle reti wireless. Lo IARC ha classificato le onde elettromagnetiche come “possibili cancerogene”. Cercheremo di approfondire questa domanda in una pubblica conferenza Mercoledì 6 Febbraio 2019 alle 20,45 presso la Sala Montelupo di Domagnano (SM) con il Dr. Andrea Vornoli, ricercatore presso il Centro per la ricerca sui tumori Cesare Maltoni di Bologna facente parte dell’Istituto Ramazzini. Ci presenterà un importantissimo studio terminato recentemente sull’esposizione alle onde elettromagnetiche ed i suoi risultati. Cercheremo di capire anche con i tecnici del settore caso si è fatto e cosa si sta facendo a >San Marino per l’implementazione di reti di ultima generazione.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy