Processo Aemilia, 20 anni e 10 mesi al barista del clan Grande Aracri

Michele Bolognino col fratello gestiva due bar a Riccione. Confermata la pena a 5 anni al bellariese Massimo Muratori.

ENRICO CHIAVEGATTI – L’inchiesta Aemilia sull’infiltrazione dell’Ndrangheta in Emilia Romagna: la Cassazione conferma il quadro delle condanne d’Appello, con piccole riforme al ribasso. A beneficiarne uno degli elementi ritenuti di spicco dell’indagine e del clan Grande Aracri, quel Michele Bolognino che con il fratello Francesco ha gestito per anni due famose attività nel mondo della ristorazione a Riccione in viale D’Annunzio e in piazza dell’Unità. Per lui, che si trova sempre al regime detentivo del 41 bis, difeso anche a Roma dall’avvocato Carmen Pisanello del Foro di Reggio Emilia, i giudici con l’ermellino hanno deciso un ulteriore sconto di pena dopo quello già importante avuto in secondo grado. In appello, infatti, i quasi 38 anni di carcere rimediati per lo sdoppiamento dell’inchiesta con conseguente doppia condanna, dopo l’inevitabile riunificazione dei fascicoli vista la continuità delle azioni criminose erano stati così ridotti a 21 e 3 mesi, ora cristallizzati dalla Cassazione in 20 anni e 10 mesi. (…)

Articolo tratto da Il Corriere di Romagna

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy