Pronto soccorso, in Provincia di Rimini mancano 37 medici: «Impossibile gestire tutti i pazienti»

A Rimini e Riccione le carenze più gravi, ma anche gli altri ospedali non se la passano meglio. L’assessore fa visita all’Infermi: «Situazione insostenibile serve l’aiuto dei dottori di base».

MANUEL SPADAZZI – Non è possibile dover attendere fino a 18 ore (e anche più), prima di essere visitati. La situazione al Pronto soccorso di Rimini sta diventando sempre più grave, a causa della carenza di medici e dell’aumento dei pazienti. E non va meglio a Riccione e negli altri ospedali della provincia. Da due anni il Pronto intervento di Santarcangelo è operativo solo di giorno, dalle 8 alle 20, perché mancano i dottori per tenerlo aperto di notte. A Santarcangelo sono 4 i medici in meno rispetto all’organico previsto, ne mancano 8 tra Cattolica e Novafeltria. Ma le situazioni più gravi sono a Rimini, dove servirebbero 10 medici in più di quelli oggi in servizio, e al ’Ceccarini’ di Riccione, dove ne mancano altrettanti. Considerando anche le assenze tra i medici del 118 (sono 19, 5 in meno dell’organico previsto), mancano almeno 37 dottori nei reparti di emergenza della nostra provincia. (…)

Articolo tratto dal Resto del Carlino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy