Re Nero: ‘clienti disperati’ alla Bcrr non all’Asset Banca

Re Nero (o Mutandopoli) sta provocando effetti diversi nelle due banche coinvolte: la Banca di Credito e Risparmio di Romagna di Forlì e Asset Banca, un istituto bancario della Repubblica di San Marino.
A San Marino non si registra alcun problema nella conduzione della Banca in questione che continua ad operare con sollievo e soddisfazione dei clienti senza necessità di alcun intervento pesante né da parte della Vigilanza della Banca Centrale né da parte del Tribunale Commissariale.
A Forlì invece (ne riferisce La Voce di Romagna) ‘la procura ha sequestrato alla Banca di Credito e Risparmio di Romagna anche numerosi assegni postdatati, per un valore complessivo di 150 mila euro. E questo sta mettendo in crisi chi doveva incassarli a breve. Alcuni di questi clienti si trovano senza liquidità‘.
Si legge ancora sullo stesso giornale: ‘dopo il sequestro del deposito a vista di Asset Banca di San Marino di 11 milioni, e dopo il prestito sigillato di altri 4 milioni del medesimo istituto, gli inquirenti continuano a cercare nuovi elementi e irregolarità anche sui conti correnti dei grossi imprenditori della Bcrr‘.
A far tenere in tensione il
governo della Repubblica di San Marino per gli eventuali riflessi su
tutto il sistema bancario e finanziario sammarinese è l’apertura dei falconi di carte e degli archivi dei computer sequestrati dalla Guardia di Finanza e della Polizia nelle abitazioni, aziende, studi e seconde case dei 47 indagati con precedenza, quando possibile, agli arrestati.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy