Rete Desk replica a Motus: “Da noi proposte concrete senza aggravio della spesa pubblica per consulenze esterne”

“Spiace constatare che l’attività del Gruppo di lavoro RETE Desk, non venga percepita da Domani Motus Liberi in modo favorevole, visto che i documenti realizzati saranno presentati al Governo, alle associazioni, alle Parti Sociali e alla cittadinanza, osservando i criteri di trasparenza e rispetto dei ruoli che ci sono propri”.

Il gruppo Rete Desk replica così alle critiche di Domani Motus Liberi sul tema dello sviluppo.

In una nota sottolinea che il gruppo “si è formato su base volontaria per iniziativa di alcuni cittadini attivi in politica ed opera strutturando proposte organiche, attraverso un confronto diretto con imprenditori e cittadini, senza condizionamenti di parte o mediazioni politiche preconcette”.

Quindi una contro frecciata: “Ciò che caratterizza la nostra attività è la formazione della classe politica dirigente e delle competenze necessarie a rispondere alle esigenze economiche e sociali del Paese, realizzando proposte concrete senza aggravio della spesa pubblica per consulenze esterne o attraverso l’utilizzo di capitoli di bilancio improduttivi”.

Il riferimento, neanche tanto velato, è ai 100 mila euro stanziati dal governo per i consulenti del progetto San Marino 2030.

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy