Rimini. Carabiniere fuori servizio salva gestore dell’Ilary da pestaggio

Il Resto del Carlino Rimini (di ieri): Il militare ha rincorso e bloccato anche due dei tre balordi  / Commerciante pestato a sangue dai ladri. Salvato da un carabiniere fuori servizio /  In manette sono finiti un minorenne italiano ed un senegalese. Caccia al complice


Ha salvato un commerciante dal pestaggio di tre ladri e non contento si è messo all’inseguimento dei balordi, catturandone due su tre, grazie anche all’aiuto dei suoi colleghi. Chiamatelo eroe se volete. Lui è un appuntato scelto dei carabinieri che lavora presso la stazione di Miramare. Sabato pomeriggio, però, era fuori servizio e stava passeggiando tranquillamente, in libertà, per viale Regina Elena. Ma un carabiniere non smette mai di esserlo, neanche quando è in vacanza o fuori servizio. Così quando è passato davanti al negozio «Ilary» ed ha visto tre giovinastri che stavano riempiendo di calci e pugni il gestore del negozio, un riminese di 59 anni, non ci ha pensato su due volte ed è entrato in azione per salvare il commerciante. Il riminese, poco prima, aveva, infatti, sorpreso tre ragazzi stranieri intenti a rubare una T-shirt griffata dal suo negozio. L’uomo aveva cercato di bloccarli, ma i tre, per risposta, lo hanno accerchiato e coperto di calci e pugni. Le urla dell’uomo hanno subito attirato l’attenzione dell’appuntato che si è lanciato in soccorso del commerciante. I ragazzi hanno immediatamente mollato la presa e hanno cercato di darsi alla fuga. Non avevano però fatto i conti con il carabiniere che, dopo aver allertato i colleghi, insieme a loro, si è messo all’inseguimento dei ladri, riuscendo a catturarne due.

SONO così stati arrestati per rapina impropria, un senegalese di 18 anni, Loum Pape Ousmane e un 15enne italiano, ma di origine magrebina. Il senegalese è stato trasferito nel carcere di Rimini mentre il minorenne è stato affidato al centro di prima accoglienza per i minori che si trova a Bologna. Resta ancora da identificare il terzo complice.
L’intervento tempestivo dell’appuntato scelto ha scongiurato conseguenze peggiori per il commerciante riminese. Nel pestaggio ha riportato escoriazioni e lividi al collo, al torace, alle braccia per una prognosi di 15 giorni.
Il carabiniere-eroe si è limitato a dire poche parole: «Ho solo fatto il mio dovere, stavano massacrando di botte quel commerciante ed io sono intervenuto
».

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy