Rimini: La escort non ha colpe per la morte del suo cliente

(da “Il Corriere di Romagna”) Un edema polmonare avrebbe causato il decesso di un ingegnere nucleare.

I medici potrebbero sottoporre il corpo del defunto ad alcune analisi tossicologiche per l’eventuale assunzione di particolari sostanze.

L’uomo, 48enne lombardo, è deceduto in una stanza di un centro benessere di Forlì domenica pomeriggio.

L’escort, 40enne riminese, che aveva passato qualche ora con l’uomo sabato sera, non è più indagata dalla Procura di Forlì.

 

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy