Rimini. Mano incastrata nell’ascensore, bimba di 5 anni liberata dai Carabinieri

La mano resta incastrata nell’ascensore, bimba di 5 anni liberata dai Carabinieri. Operazioni complicate perché la porta era bloccata: i militari l’hanno forzata con il manganello

ERIKA NANNI – Non è riuscita ad allontanare in tempo la mano dal varco in cui i battenti scorrevoli dell’ascensore si chiudevano, così le sue dita sono rimaste incastrate nella porta. È la brutta avventura che giovedì sera ha visto protagonista una bambina piemontese di cinque anni, in vacanza a Marina centro insieme a mamma e papà. A salvarla dal dolore e dallo spavento sono stati i Carabinieri della Compagnia di Rimini, che si sono precipitati nel residence in viale Amerigo Vespucci per cercare di liberare la bambina. La piccola, alla fine, è uscita pressoché illesa dal brutto incidente: al di là della paura, non ha riportano nemmeno una frattura a una falange. (…)

Articolo tratto da Corriere Romagna

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy