Rimini. «Mareggiata, la Regione paghi i danni»

«Mareggiata, la Regione paghi i danni»

La duna è crollata e il suo stabilimento è finito sott’acqua. La richiesta del gestore Federico Bronzetti: «Cinquantamila euro»

«Ci siamo già mossi con i nostri legali per chiedere i danni alla Regione: non è possibile che ad ogni mareggiata ci ritroviamo bar e ristorante sott’acqua, con i pesci che nuotano tra sedie e tavolini negli scantinati». Federico Bronzetti conferma la conta dei danni subìti dal ristorante Nettuno e dall’ex bar Giallo, ora Cala Piadina, di fronte a piazzale Kennedy, di fianco allo sbocco a mare del torrente Ausa: «Circa 50mila euro. Le due attività sono state completamente allagate da oltre un metro d’acqua schiumosa che si è insinuata all’interno del bar e nella zona dedicata alle celle refrigeranti e alle attrezzature del ristorante Nettuno: motori, frigoriferi, tutto da buttare, insieme a parte degli arredi, ai muri ammalorati… Per non parlare del tempo e del costo per gli interventi di pulizia e ripristino, che dobbiamo fare al più presto, sia perché l’acqua salata corrode e crea danni ulteriori finché non viene rimossa, sia perché al Nettuno abbiamo già due cene prenotate, il 30 dicembre e il primo gennaio» (…)

Mario Gradara – Resto del Carlino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy