Rimini. Odissea burocratica per la coppia gay «Ai nostri figli niente carta d’identità»

I due papà sposati tra loro non riescono ad avere il documento elettronico: «Anni che ci battiamo».

ADRIANO CESPI. Una vera e propria odissea quella vissuta da una coppia omosessuale riminese, regolarmente sposata. Un’odissea dei diritti. Civili. Che in Italia, per le famiglie omogenitoriali, vengono spesso dimenticati. Raccontano Christian De Florio e Carlo Tumino, genitori di due gemelli avuti, negli Stati Uniti, attraverso il metodo della “gestazione per altri”, più noto come utero in affitto: «Sono anni che ci battiamo per ottenere la carta d’identità elettronica per i nostri due gemelli. Ma un decreto risalente al governo Conte I, voluto dall’allora ministro dell’Interno, Salvini, ne rende impossibile il rilascio». Il provvedimento in questione è quello che vincola la consegna del documento alla dicitura madre e padre e non, come accadeva in precedenza, al solo termine genitore. (…)

Articolo tratto dal Corriere Romagna

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy