Rimini. “Scuola nel caos e quarantene infinite”

Scuola nel caos e quarantene infinite»

L’allarme del comitato dei genitori. Montebelli: «Burocrazia, errori e catene di contagi. Si sta a casa più dei dieci giorni richiesti»

«Quarantene scolastiche infinite», denuncia il Comitato dei genitori per una scuola in presenza. Tra regole, burocrazia e sistemi di tracciamento, notifiche di provvedimenti di quarantena che saltano, i periodi a casa in Dad o Did, precisa il comitato, «possono diventare molto più lunghi dei dieci giorni richiesti». La denuncia va anche nella direzione di alcuni dirigenti scolastici. «Nella provincia di Rimini – premette Stefania Montebelli, referente regionale e locale per il comitato – ci sono casi di scuole che impediscono il rientro a studenti guariti e studenti sani per i più disparati motivi: viene chiesto un provvedimento sanitario (non più esigibile da inizio anno) assieme all’esito di un tampone negativo, oppure perché nel frattempo la classe è stata mandata in quarantena per differenti catene di contagio. Altre volte non viene accettato il perfetto stato di salute dello studente se non è collegato ad una recentissima vaccinazione che però non è obbligatoria, ma solo raccomandata, e infine può essere che la scuola chieda altri due giorni per le verifiche». Per Montebelli i problemi sono generalizzati (…)

Articolo tratto da Resto del Carlino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy